comunicati

Pierangelo Velli Super weekend in casa Argentia! 19 settembre 2017 - Pierangelo Velli SAVE THE DATE!! 23 e 24 SETTEMBRE Vi aspettiamo tutti, grandi e piccini, atleti e tifosi, mamme e papà, nonne e nonni, per una grande festa in onore dei 50 anni della nostra società. Inizieremo sabato 23 con le prime due partite di un torneo che vedrà protagonista la nostra Serie D insieme ad altre tre squadre che combatteranno sul campo per aggiudicarsi il primo posto della prima edizione di “Argentia Is Coming”. Per tutte le quattro squadre che si sfideranno ci saranno in palio dei fantastici premi! Domenica 24 la festa entrerà nel vivo e saremo pronti ad accogliere più gente possibile. Sarà presente la Pro Loco Gorgonzola e il birrificio Gorgonziner con tante buone specialità da assaggiare. Domenica tutti gli atleti e le atlete della Nuova Argentia Pallacanestro sono invitati a partecipare alla presentazione ufficiale delle squadre per la stagione 2017/2018. Ad accogliere i nostri atleti e il pubblico ci saranno tante sorprese e tanta simpatia con premi e riconoscimenti. A seguire potremmo assistere alle due finali del torneo “Argentia Is Coming” e cenare tutti insieme!   Programma:   Sabato 23  18.00: Novate vs Segrate 20.00: Argentia vs San Pellegrino   Domenica 24  15.00: Apertura stand Pro Loco e Gorgonziner 15.00: Presentazione ufficiale delle squadre 17.00: finale A (Argentia in campo) 19.00: finale B   Un ringraziamento speciale a Ottica Brambilla, Pro Loco Gorgonzola e Gorgonziner.   #nuovaargentiapallacanestro #nuovaargentiagorgonzola #argentiagorgonzola #50anniargentia #argentiaiscoming

ultima foto

Ultimi articoli

GRAZIE SPONSOR 21 giugno 2017 - Federico Bigatti Grazie ! Un grazie a tutti voi sponsor da tutti noi, atleti, allenatori e dirigenti Grazie perchè senza il vostro supporto non sarebbe stato possibile portare a termine con successo un'altra stagione di questo splendido sport. Una stagione ricca di soddisfazioni e di vittorie che ha visto protagonisti oltre 210 atleti a partire dalla Serie D, passando per tutte le categorie giovanili fino ai piccoli cestisti dell'anno 2011. Avete contribuito alla crescita sportiva e non solo di tantissimi giovani atleti. Speriamo, anzi siamo sicuri, che il vostro supporto non mancherà anche per il prossimo anno! Main SponsorOttica Brambilla Guzzi Sponsor (in ordine alfabetico) ApenGroup Assicurazioni Generali CEPA Città del Sole FarNetworks Luigi Cirillo Fisioterapia Licei LISA Gorgonzola Mitica Isolamenti Nova Argentia Farmaceutica Nuova Carrozzeria Marche Stazione Servizio IP Meroni Trattoria La Stazionetta Gorgonzola 21 Giugno 2017 Leggi tutto Condividi
+Copia link
Grazie coach! Grazie coach! 09 giugno 2017 - Gaetano Spinelli La stagione volge ormai al termine anche quest’anno. Questa volta siamo davvero ai saluti. Coach Ferri dalla prossima stagione non sarà più l’allenatore dei 2005!!!! Alcune mamme preparano i fazzoletti e i ragazzi sono stati preparati a questo distacco, ma resta un evento non da poco dopo 4 anni di successi, emozioni e tanti ricordi che ci porteremo sempre nel cuore.La settimana scorsa ha avuto luogo l’ultima partita del suo ciclo contro il Malaspina, nella quale i ragazzi hanno vinto con ampio margine, volendo dimostrare al loro allenatore il buon livello a cui li ha portati.Non è facile, ma provo a raccontare questi 4 anni, piuttosto intensi e molto vissuti.Coach Ferri entra in punta di piedi e con molta umiltà. Nella stagione 2012/2013 funge da assistente a Luciano Gaia. L’opportunità è ghiotta e lui la sfrutta a dovere, visto che dopo un anno gli viene affidata la squadra 2005. Parliamo della stagione 2013/2014, le premesse non sono buone, la categoria annovera 13-14 ragazzi, molti sono al primo anno di basket. Ma lui non si spaventa e si mette al lavoro, aggrega al gruppo alcuni ragazzi della categoria 2006 per avere un numero congruo per gli allenamenti. Si comincia col Mariani, dove la squadra ben figura centrando le semifinali. Nel week-end finale arriviamo quarti, pur ben figurando, con la promessa di migliorare negli anni successivi. Arriva l’esordio in campionato, piuttosto duro, perdiamo contro Malaspina, Milano3 e Cernusco e battiamo Segrate e San Giuliano, ma il coach non si scoraggia e continua a lavorare duro con i suoi ragazzi e nel girone di ritorno raccoglie qualche frutto, soprattutto la vittoria contro Cernusco e la vittoria esterna a Malaspina. La squadra sembra crescere e aumentare di intensità e velocità. Nel campionato primaverile continua la buona serie, intervallata da poche sconfitte. La stagione termina con la conquista del Brembadda dove vinciamo agilmente le tre partite e portiamo a casa la prima coppa. Replichiamo a Melegnano dopo una finale da cardiopalma e altra coppa che va in bacheca.Nella stagione 2014/2015 arriva Linda Moranzoni come vice, poche variazioni nel gruppo con i ragazzi del 2006 che continuano l’avventura. Non c’è il Mariani, per cui l’inizio della stagione è contraddistinto da una serie di amichevoli. Fa eccezione il torneo d’elite di Cusano, dove pur arrivando quarti ben figuriamo. Il roster è piuttosto eterogeneo, con almeno tre livelli diversi, il che rende difficili le scelte, nell’ottica di ruotare tutti. Si opta per due campionati vista la rosa numerosa. L’inizio di campionato è buono, poi arriva la sconfitta beffarda ad Arcore, che fa riflettere molto il coach. Poi arriva una lunga serie di vittorie, alcune piuttosto larghe, che danno fiducia alla squadra, che continua a crescere. Le sconfitte di misura contro Posal e Cinisello non inficiano il buon lavoro del coach. Si riprende a vincere e la serie è lunga. Arriviamo a maggio e si parla di Pesaro, dove ci andiamo con l’incoscienza più assoluta senza sapere cosa ci attende. Vinciamo agevolmente le prime due partite e arriviamo volando in semifinale. Nella convulsa partita di San Casciano il coach ha il primo momento difficile, la squadra sembra perdere la bussola, ma poi si riprende e con le unghie conquista la finale. Contro il quotato San Carlo il pronostico è scontato, ma tiriamo fuori una prova irripetibile e vinciamo allo sprint dopo una partita memorabile. Arriva la coppa e il coach non nasconde una grande emozione, quando tutti i genitori si abbracciano al suono della sirena. Momenti indimenticabili che potete rivivere negli articoli che ognuno di noi ha lasciato sul sito. La stagione termina con la sfortunata sconfitta di Cinisello, che però fa capire che siamo cresciuti davvero tanto.Arriva la stagione 2015/2016 dove bisogna confermare i buoni presupposti della precedente. Arriva Giorgio Chiarelli, come vice, per la gioia delle mamme. Si comincia con il Mariani dove nella prima fase arriviamo primi, uscendo sconfitti solo dal campo della Posal. Nel frattempo abbiamo modo di vincere un’altra coppa a San Giuliano, dopo una finale molto ben giocata e mostrando un buon basket. Arriviamo agevolmente alle fasi finali del Mariani, dove, visto il cast (Cusano-Posal-Cinisello) non rientriamo tra i favoriti. Ricordiamo le lunghe riflessioni del coach sulle scelte. In semifinale battiamo soffrendo il Cusano (pur incompleto) e andiamo a giocarci la finalissima, dove sulla carta il Cinisello è decisamente favorito, ma il coach stimola a dovere i ragazzi che rispondono con una super-partita che ci porta l’ennesima coppa, forse la più insperata. Nessuno avrebbe scommesso un soldo che alla fine del quarto tempo avremmo avuto in tasca la vittoria. Il calendario non dà tragua e già subito dopo il campionato, la scelta è per due competitivi. La squadra ha ormai acquisito sicurezza e il livello di gioco è davvero molto alto. Il bilancio finale dice 22 vittorie e 4 sconfitte, ricordiamo la vittoria a Monza, la vittoria in casa con Posal negli ultimi secondi, l’impresa di Desio e di Verderio, ma soprattutto la vittoria al supplementare di San Donato. La squadra arriva stanca e cotta all’ultimo appuntamento della stagione, terminando quinta al torneo di Sansepolcro. Nel frattempo si comincia già a giocare con i canestri alti. Il coach conclude il suo ciclo con la stagione 2016/2017, una stagione difficile per tanti motivi, in primis una squadra sempre più sotto età e di altezza media bassa che con i canestri alti pesa di più. Si comincia con un Mariani un po' in ombra, dove nella prima fase arriviamo quarti, complice la scellerata partita persa a Milano e ci giochiamo il quarto in casa della Posal, dove usciamo sconfitti per un solo punto, avendo per ben due volte la palla della vittoria. Il lavoro è difficile, il coach dà tutto sé stesso, nonostante qualche contrattempo di troppo. Inizia il campionato, con un inizio tra alti e bassi, ricordiamo la sconfitta di Bernareggio con un bel vantaggio dilapidato. Poi la squadra comincia a venire fuori, mostrando il suo solito gioco e acquista continuità. Cernusco e Olimpia sono di un altro pianeta e nel girone chiudiamo al terzo posto, tutto sommato accettabile. Il torneo di Lissone ci pone davanti squadre toste e attrezzate, diamo del filo da torcere a Bergamo, poi arrivata in finale, ma nel girone di consolazione affondiamo. Dopo pochi giorni torniamo a Pesaro, sperando di evocare i bei ricordi. Le prime due partite vanno bene e ci proiettano ai quarti di finale, dove però troviamo il Piombino che ci dà una severa lezione e lo stesso avviene con Bologna. Chiudiamo al sesto posto e il resto è storia di oggi.Si chiude quindi un ciclo che ha portato grandi soddisfazioni ai ragazzi, cresciuti tanto dal punto di vista tecnico e della personalità. Del coach ognuno può essersi fatto un’opinione più o meno condivisibile, ognuno può sottolinearne pregi e difetti, scaturiti spesso dalla percezione soggettiva. Quello su cui possiamo concordare è che sicuramente ha dato tutto sé stesso, cercando sempre di accontentare i ragazzi, facendoli giocare tanto a scapito anche del suo tempo e la mia impressione è che questa dedizione sia merce piuttosto rara che non sempre troveremo. Ad ogni modo ora le strade si separano e i cambiamenti saranno tanti, Alessandro prenderà altri gruppi cercando di ripetere con loro la nostra esperienza, apportando, ove necessario, opportuni correttivi, mentre noi avremo un nuovo allenatore con il quale comincerà un nuovo ciclo. Anche la squadra cambierà volto, con diversi nuovi arrivi nei 2005 e i 2006 che probabilmente continueranno parzialmente ad allenarsi con noi. Il resto sarà tutto da scoprire.Ultimo appuntamento dell’anno la pizzata all’Acquanueva con l’ultimo saluto al coach, magari con un tuffo in piscina. Leggi tutto Condividi
+Copia link
Torneo di Trento2017: breve (mica tanto…) cronaca di una vittoria (non) annunciata Torneo di Trento2017: breve (mica tanto…) cronaca di una vittoria (non) annunciata 07 giugno 2017 - Danilo Coletti La carovana Atleti-Genitori degli Aquilotti 2006 si muove alla volta di Trento tra l’1 e il 2 giugno. Scopriamo subito che non sarà una passeggiata per qualche inconveniente di troppo, tra macchine in panne e tamponamenti.Ci ritroviamo quasi tutti il venerdì per il pranzo, qualcuno arriva poco prima della partita a causa del traffico, la tensione inizia a salire sia nei ragazzi che nei genitori.Il primo avversario che dovremo affrontare è la Major Senigallia.Coletti-Pessot-Villa-Vigliotti in campo. La partita risulta subito ostica, gli avversari ci stanno attaccati e non riusciamo ad attuare il nostro gioco. Andiamo sotto 4-3 con tutto il tempo di recuperare ma non riusciamo a farlo e perdiamo il primo tempo.E’ la volta di Cento-Carboni L-Simonetta-Penza. Arriva una reazione che ci lascia ben sperare, qualcosa di buono si intravede nonostante un quantitativo di falli subiti enorme, che però non ci aiuta in quanto sbagliamo quasi tutti i tiri dalla lunetta. Riusciamo però a prenderci il tempo per 6-4.Tocca ad Amadigi-Carboni R-Carminati-Stigliani. Qualcosa non quadra come al solito, torna il black out. Tiri sbagliati, errori sotto misura, marcature perse. Cediamo anche questo parziale per 9-6.Coach Ferri all’intervallo prova a scuotere i ragazzi.Ripartiamo con Vigliotti-Villa-Pessot-Amadigi. La partita non gira come vorremmo, le occasioni per segnare le abbiamo ma le sbagliamo nell’incredulità generale. I falli subiti sono sempre tanti, i tiri liberi a segno pochissimi. Il Senigallia inizia a perdere pezzi, con alcuni ragazzi che escono per 5 falli. L’allenatore avversario in qualche occasione ha atteggiamenti poco sportivi, pilotando cambi a vantaggio dei suoi elementi più bravi. Perdiamo anche questo parziale e siamo sotto 3-1.E’ la volta di Simonetta-Carboni-Penza-Carminati. Piccola reazione Argentia con Davide e Lorenzo che si scuotono di dosso le paure, l’ansia e la tensione di tutta la squadra e mettono a segno canestri importanti che ci permettono di aggiudicarci il parziale per 9-6.Ci giochiamo il tutto per tutto con Stigliani-Coletti-Carminati e Cento. Basta una vittoria per impattare i tempi conquistati e conquistare comunque la vittoria per differenza canestri. Solito atteggiamento avversario basato su falli e marcature sporche, solito gran numero di tiri liberi sbagliati. La situazione falli del Senigallia è pesante, 5 escono per 5 falli, l’allenatore trova il modo per riproporre i suoi elementi migliori. Fatto sta che perdiamo la testa e non riusciamo a reagire, tempo perso per 12-6 e partita buttata via.La delusione è tanta nei ragazzi, noi genitori siamo più che altro increduli, oggi la squadra è stata troppo brutta per essere quella vera. Segnare 35 punti in totale è il nostro minimo stagionale. La giornata prosegue comunque nel divertimento per le vie di Trento con una bellissima sfilata di tutte le squadre partecipanti fino al raduno in Piazza Fiera per il saluto delle autorità.Dopo la cena, ragazzi e coach in albergo e genitori liberi per una buona cena tutti insieme, nonostante la stanchezza.Il giorno dopo ci attendono 2 partite, la prima alle 9:30 del mattino contro Arcobaleno Trento.Ci ritroviamo presto nella palestra di Povo, sulla collina intorno alla città.C’è voglia di rifarsi, il riscaldamento è intenso, tutta un’altra sensazione.Coletti-Amadigi-Villa-Pessot in campo. Iniziamo col piglio giusto e la mira sembra addrizzata, con le penetrazioni di Daniele, i contropiede di Lorenzo e Luca innescati da Francesco: una pioggia di canestri si abbatte sugli avversari!. Portiamo a casa il risultato 16-5.E’ il turno di Vigliotti-Simonetta-Carboni L-Carbono R. I ragazzi prendono fiducia e per gli amici di Trento non c’è scampo. Davide e Simone hanno la mano caldissima, non si ricordano palloni vaganti che non siano finiti nelle mani dei gemelli Lorenzo e Rebecca. 13-1 il risultato finale.Tocca a Cento-Carmonati-Penza-Stigliani. Reazione degli avversari, qualche errore di troppo e un po’ di imprecisione ci fanno cedere il parziale per 6-4. Breve intervallo, piccola “registrata” di coach Ferri e si riparte.Il quartetto è quello iniziale, (iniziamo a segnarceli perché non cambieranno più, da qui alla fine del torneo). La musica non cambia, troviamo i canestri che vogliamo e scaviamo il solco che ci permette di aggiudicarci il tempo per 14-9.Manca un ultimo sforzo!Carboni L-Carboni R.-Simonetta-Vigliotti. Oggi non ce n’è, troppa la voglia di rifarsi, troppa la decisione che i ragazzi ci mettono. Risultato ancora in cassaforte per 18-8! Partita vinta!!Conquistiamo anche l’ultimo parziale per 6-4 con Cento-Penza-Carminati-Stigliani.La seconda partita della giornata è prevista alle 14:45 nella palestra di Villanzano contro la Scaligera Verona.Alessandro suggerisce di pranzare presto e poi tutti in ritiro pre-partita.Raggiungiamo la nostra destinazione con largo anticipo, i ragazzi giocano nel piazzale, qualcuno si riposa assieme ai genitori sul prato antistante, il coach familiarizza con il “cagnolino” della famiglia Penza.Arriva l’ora del match.Quartetto iniziale solito, Coletti-Amadigi-Villa-Pessot. La partita si rivela subito ostica, avversari ben messi in campo e marcature attente. Procediamo punto a punto fino al 6-6, abbiamo anche l’occasione per aggiudicarci il parziale ma sbagliamo e finisce in parità.I Fantastici4 Vigliotti-Simonetta-Carboni L-Carbono R vengono riproposti anche in questa partita e la scelta si rivela azzeccatissima, Davide immarcabile segna in ogni modo, Lorenzo, Rebecca e Simone non sbagliano un canestro e puliscono tutte le palle paganti, è un bel vedere. Verona annichilita da un parziale di 19-6.E’ la volta di Stigliani-Carminati-Penza e Cento. Non molliamo niente, Davide onnipresente, gli altri strappano i palloni dalle mani degli increduli avversari e il risultato ci da ancora ragione: 6-4.Si va all’intervallo con in testa un unico obiettivo, conquistare la vittoria prima possibile!I quartetti delle due squadre sono gli stessi dell’inizio, siamo attentissimi in marcatura e concediamo poco e niente. Dopo una fase di studio la sblocca Francesco con un canestro di pregevole fattura, controlliamo il match. Lorenzo ai liberi fa 1 su 2. 3-0 per noi e manca ancora tanto. Time out degli ospiti per tentare di recuperare. Abbiamo il grande merito di non concedere tiri facili. Ancora Francesco mette a segno un canestro importantissimo e scava il solco giusto, 5-0. Finisce così tra abbracci in campo e genitori che in tribuna si spellano le mani.Gli ultimi due parziali, seppur inutili ai fini del punteggio, vanno uno per parte, 20-2 per l’Argentia e 7-3 per La Scaligera Verona.Bisogna attendere la sera per conoscere la partita che ci toccherà l’indomani, ipotizzando che possa essere una finale tra il terzo-quarto o quinto-sesto posto.La partita iniziale persa pesa tanto e il rammarico è grande. Oggi invece i ragazzi sono stati fantastici e sono riusciti a segnare la bellezza di 71 punti nella prima partita e 59 nella seconda!La serata continua con una bella passeggiata tutti insieme a Trento fra gelati, bibite e qualche birra di troppo!!Molti decidono di cenare assieme, qualcuno va in ritiro pre-finale di Champions (sigh…), i ragazzi tornano in albergo dopo la cena per un meritato riposo.Intorno alle 21 qualcuno scopre che nella classifica finale siamo al 2° posto!!!! Domani alle 14:45 ci attende la finale per il 1° posto, merito, oltre che delle due vittorie, della differenza canestri.Coach Ferri decide di tenerlo per se e di comunicarlo alla squadra la mattina seguente.Appuntamento in albergo per prendere i ragazzi, li troviamo euforici per la notizia della finale conquistata, c’è davvero una bella atmosfera.Al solito si pranza prestissimo e si raggiunge la palestra di Povo, teatro della partita più importante.Dopo aver assistito alla finale per il 3° e 4° posto tra gli amici di Cassano d’Adda e la Major Senigallia (quelli che ci avevano battuti alla prima…), è il nostro turno.La squadra avversaria è il Basket Gardolo, classificatasi al 1° posto nel girone.C’è la concentrazione giusta, la voglia di farcela, di stringere i denti nonostante qualche acciacco per qualcuno dei nostri, c’è tanta fiducia.Si parte!!!Coletti-Amadigi-Villa-Pessot. C’è tanta tensione in campo, i nostri sono attentissimi in marcatura. L’intelligenza tattica di Lorenzo, la precisione in entrata di Daniele e le percussioni di Luca e Francesco ci portano i canestri giusti per tracciare il solco decisivo, 13-8 Argentia!E’ la volta di Vigliotti-Simonetta-Carboni L-Carbono R. Partita dura, qualche errore, coach Ferri richiama alla calma. Davide finalmente trova gli spazi giusti e infila a ripetizione la retina avversaria. Il Gardolo non molla e tenta un timido recupero, ma non ha fatto i conti con l’agonismo della nostra principessa terribile Rebecca, dell’”uomo ovunque” Lorenzo, del “peso specifico” di Simone! Altro parziale conquistato per 9-6!!E’ il turno di Stigliani-Carminati-Penza e Cento. Reazione degli avversari, che trovano un paio di canestri facili, ci complichiamo la vita con qualche errore, proviamo a riprenderla ma il tiro a fil di sirena non entra e cediamo per 6-5.Ultimo intervallo del Torneo, per trovare la concentrazione e la forza di prenderci qualcosa alla nostra portata.Quartetto iniziale in campo. Grandissima attenzione in marcatura. Cerchiamo il canestro con qualche imprecisione di troppo, poi ci sblocchiamo con Luca e Lorenzo. Francesco fa 1 su 2 ai liberi. Teniamo per tutti i 6 minuti la nostra area inviolata, 5-0 Argentia!!!Vittoria conquistata e primo posto assicurato!!!Per onor di cronaca gli ultimi due tempi terminano in parità, 2-2 e 7-7.Applausi per tutti, per gli Aquilotti 2006 e per i bravi avversari del Gardolo Basket.La giornata si conclude al PalaTrento per la premiazione di tutte le squadre.C’è emozione, felicità, soddisfazione, gioia.I nostri ragazzi sono stati semplicemente straordinari!E’ la vittoria del gruppo, del gioco di squadra, della voglia che ci hanno messo per andare a prendersi il Torneo di Trento!Un applauso a Coach Ferri per l’ottimo lavoro svolto, per la crescita continua e costante della squadra che ha saputo reagire alla grandissima, nonostante un inizio poco confortante. Leggi tutto Condividi
+Copia link
Gran finale alla Regione Lombardia! Gran finale alla Regione Lombardia! 03 giugno 2017 - Ezio Bertolotti Ultimo atto di una stagione da ricordare per il nostro competitivo 2006 in una cornice davvero particolare. Dopo la kermesse a Settimo M.se 15 gg fa con il gotha provinciale ( Olimpia, Desio, Cernusco, Legnano, Vigevano....) si apre il sipario più prestigioso della piazza della Regione Lombardia nel cuore di Milano! Ai piedi di queste architetture futuriste dei nuovi uffici amministrativi regionali sono stati allestiti due parquet, uno luccicante e con tanto di tribune perimetrali ospita le finali di tutte le categorie ed accanto la grande festa del minibasket con formazioni mischiate a rappresentare i quattro continenti. Alle squadre già citate si aggiungono Cantù, Varese e le altre eccellenze della categoria ( e non dimentichiamo le nostre Gazzelle! ) ma per una volta il risultato sportivo lascia spazio all' entusiasmo e alla voglia di divertirsi insieme. Grandi sorrisi e gadget al momento della premiazione delle squadre !Approfitto di questo spazio per un doveroso ringraziamento al coach Alessandro Ferri che dopo 4 anni lascia la grande truppa 2005/06. Arduo ricordare i tanti momenti di apice sportivo con le tante latte alzate frutto di tonnellate di lavoro in palestra e massima dedizione ai ragazzi, le sfuriate e i chiarimenti,il passo ciondolato, il gel e i rayban a goccia, la maglietta bianca col pantaloncino azzurro, la calza blu e la scarpa nera.... slacciata. Viene un po' di nodo alla gola e mancano le parole pensando a tutto questo ma la grande ombra di Big Luciano incombe sul Palestrone....grazie Ale e un sincero e affettuoso abbraccio da tutti noi !Per tutte le mamme che in quattro anni per autentica soggezione non sono mai riuscite a baciare il grande burbero dal cuore di panna l' appuntamento è per venerdì 16 dalla 19 in poi all' Acquaneva di Inzago dove dopo un tuffo in piscina e qualche fetta di pizza l' ombroso Ferri si concederà a tutte le fan...ma mettetevi in fila !E con questo è davvero tutto come diceva Nando Martellini a Novantesimo Minuto, buona estate a tutti e ci rivediamo a settembre ! Ezio Leggi tutto Condividi
+Copia link

dove siamo

Via Toscana Gorgonzola, 20064, MI