Prima Squadra: Segrate – Nuova Argentia 62 – 60

23-18

29 – 33 (15 – 6)

45 – 47 (16 – 14)

62 – 60 (17 – 13)

NUOVA ARGENTIA: Abbiati 6, De Nuzzo 3, Ghezzi 5, Medea 7, Piazzi, Reggio ne, Lafragola 5, Palumbo 15, Mazzocchi 11, Brambillasca 8. All: Gobbo.

TL: 12/25
T3: 4/15

Dopo una lunga attesa finalmente anche per la prima squadra il campionato ha inizio. Ci si presenta senza 3/5 del quintetto (Sica, Pozzi e Raspanti), ma poco importa, i ragazzi in campo li hanno saputi sostituire egregiamente giocando una buona partita sia sul piano offensivo che su quello difensivo, mancando la vittoria per un soffio.

Primo quarto molto combattuto con le squadre in perfetto equilibrio, ottimo inizio di Mazzocchi che mette a segno i primi importanti canestri. Buona anche la parte difensiva, con Ghezzi che per tutta la partita riesce ad arginare ed a tener testa al temuto Valsecchi provocandogli non pochi grattacapi.

Nel secondo quarto la squadra gorgonzolese dà il meglio di sé, segnando canestri importanti e impostando una difesa a zona che mette in seria difficoltà i padroni di casa portando il vantaggio sul +9. Un fortunoso tiro allo scadere, dopo ben 26 secondi di azione, chiude la prima metà della partita sul +4 per la squadra ospite.

Seguono momenti di nervosismo che perdureranno un po’ per tutta la partita, complice anche l’arbitro che non riesce a tenere in pugno la partita, aumentando maggiormente il nervosismo tra i giocatori.

Il terzo quarto si riapre sempre in sostanziale equilibrio, la stanchezza inizia a farsi sentire e complici una scarsa percentuale ai tiri liberi e qualche tiro sbagliato da fuori area porta i padroni i casa a recuperare il gap e riportare la partita in parità.

Inizia così l’ultimo quarto, i padroni di casa contrariamente alla prima parte della partita, riescono a infilare due triple consecutive che portano così il loro vantaggio sul +5 quando mancano 3 minuti alla fine.

Ultimi secondi al cardiopalma, capitan Medea sale in cattedra e segna due grandi penetrazioni. A 9 secondi dalla fine un giocatore avversario va in lunetta e con uno 0 su 2 regala ancora qualche speranza alla squadra gorgonzolese che è sotto di due punti. L’ultimo canestro sfortunatamente non si concretizza e la partita finisce così 62 – 60 per i padroni di casa.

Nonostante la sconfitta, sia i ragazzi che il coach non si sono abbattuti ma anzi, hanno dimostrato di avere tutte le carte in regola per giocare bene e fare un ottimo campionato. Consideriamo le assenze, consideriamo che Segrate è una delle favorite, consideriamo che il ritorno sarà in casa.

Aspettiamo il prossimo appuntamento casalingo, domenica 28 per confermare le prime impressioni, certi che i ragazzi faranno di tutto per ottenere la prima vittoria.


Teo

Ema: come dice un vecchio detto “tutto fa brodo” e lui ne fa, entra anche se per poco recuperando due palloni danzando sulle punte
6+ di stima

Mazzo: entra da subito concentrato tanto da sembrare un giocatore fuori categoria, nel primo quarto è il trascinatore, sbaglia poco dalla media distanza e ottima presenza sotto canestro serata magica coccolata da 2 stupende stoppate
7/8 cacciatore

Abbo: copre ottimamente l’assenza di raspanti, sfortunato perché esce per 5 falli tanto di cappello per la bomba allo scadere da casa sua
7+ ispirato

Piè: prende più botte lui che Rocky contro Mr. T
È lui il vero italian stallon gioca una partita dignitosa, non troppi punti ma tanto cuore
6/7 gladiatore

Dani: Buona partita ma potrebbe dare di più. Ci si aspetta di più da lui che dovrebbe essere il trascinatore di questa ciurma.
Nonostante tutto è il top score e porta a casa un proficuo bottino
7- coraggio

Ramon: nonostante acciacchi vari il capitano non abbandona la nave e sostiene la causa gorgonzolese inventandosi un paio di canestri d’altro tempi
7 volenteroso

Teo: come al ballo delle debuttanti entra emozionato alza la media della squadra ai liberi. Il lungo stop si fa sentire
6,5 work in progress

Fede: entra convinto nella prima parte di gara ma poi cala, getta scompiglio nell’attacco avversario con risultati alterni.
6,5 sagace

Ghezz: rinuncia alla sua arma offensiva per dare il massimo in difesa, nel duello con valsecchi sono botte da orbi e Ghezz fa capire subito che viene dalla strada.
7- domatore

Coach Gobbo: ottima gestione della partita pur con un organico ridotto, la squadra lo segue.
Sfortunato ma buona la prima.
7,5 comandante

Squadra: nonostante le pesanti assenze il gruppo si presenta adesso e compatto dimostrando di avere un ottimo biglietto da visita per il passaggio di categoria.
Sperando che questa partita dia l’input per le partite future.
Complimenti bagai!
8 gruppo con carattere

Arbitro: non riesce a tenere le redini della partita si dimostra incapace di gestire la calda atmosfera del palazzetto rischiando di trasformare la gara in un match di fight club.
4,5 rimandato


Miglio


Miglio: La punteggiatura e la grammatica non sono il suo pane.

5, deve studiare.

Ste

+Copia link

3 Responses to “Prima Squadra: Segrate – Nuova Argentia 62 – 60”

  • 21 novembre 2010 alle 22:18 - Stefano Cabot.

    “Ghezz fa capire subito che viene dalla strada” è la parte più bella di tutto l’articolo.

  • 20 novembre 2010 alle 12:01 - Pietro Brambillasca.

    Ben riuscito il primo prototipo di pagelle…. Miglio commuovente per l’impegno!!!
    Go guys go!!!!!

  • 20 novembre 2010 alle 09:42 - Luca Raspanti.

    ahahah grandi ragazzi!!!!!!!!!!!
    e….Miglio è il miglioreeeeeeeeeeeee!!!