Prima Squadra: Nuova Argentia – Don Bosco Carugate 76 – 64

22 – 17, 38 – 28, 57 – 44

4 – 8 al 3′
17 – 12 al 8′
27 – 21 al 15′
46 – 28 al 23′
51 – 41 al 27′
69 – 55 al 38′

Nuova Argentia: Abbiati 4, Medea 2, Palumbo 12, Ghezzi 3, Brambillasca 17, Lafragola, Raspanti 9, Mazzocchi 6, Pozzi 19, Sica 4. All: Gobbo.

TL 10 / 20
T3 4 / 14

Primo successo interno per la Nuova Argentia Pallacanestro nel girone C di prima divisione. I ragazzi di coach Gobbo hanno sconfitto ASDO Carugate per 76 – 64.

Incontro non certo dei migliori, i ragazzi non hanno saputo ritrovare la grinta ed il buon gioco che ha caratterizzato la partita precedente, alternando ritmi di forte intensità in cui Gorgonzola dimostrava tutta la sua superiorità a momenti di meno lucidi che hanno permesso alla squadra avversaria di ricucire un poco le distanze.

Inizia il primo quarto con non poche difficoltà, complice forse l’aver sottovalutato l’avversario che è entrato in campo con grande grinta e determinazione al contrario della formazione gorgonzolese che non difende con la giusta pressione concedendo troppi spazi agli avversari.

Nel secondo quarto però Gorgonzola si risveglia, coach Gobbo passa alla difesa a zona che si rivela una scelta vincente mettendo in forte difficoltà gli avversari. In attacco Puch, re incontrastato dell’area, infila un canestro dopo l’altro accompagnato dal cecchino Armin, letale dalla lunga distanza.

Il secondo quarto finisce sul +10 per i padroni di casa che si rimettono sul giusto binario ma che ancora stentano a decollare del tutto.

Durante l’intervallo coach Gobbo scuote i suoi ragazzi, il messaggio arriva forte e chiaro infatti Gorgonzola ritorna in campo infliggendo un parziale di 8 a 0 portando così il vantaggio sul + 18. Finalmente Gorgonzola fa vedere tutto il suo potenziale, giocando con forte intensità sia in attacco che in difesa. Gli avversari però non si danno per vinti riuscendo ad arginare la formazione gorgonzolese ricucendo un po’ le distanze, il terzo quarto termina quindi 57 – 44 per i padroni di casa.

Ha inizio così l’ultimo quarto, Gorgonzola attacca bene ma cala un po’ l’intensità difensiva.

Palumbo con le sue penetrazioni mette in forte difficoltà la difesa avversaria, Brambillasca che gioca un’ottima partita (17 Pt per lui) lotta su ogni pallone e finalmente anche “il ragazzo che viene dalla strada”, l’idolo dei tifosi, il grande Ghezzi che fino ad allora aveva dato il meglio di sé in difesa si sblocca e mette a segno i suoi primi canestri mandando il pubblico in visibilio. Dopo un bruciante contropiede a pochi secondi dal termine gli viene fischiato uno sfondamento che è il suo quinto fallo. Nessuno però, neanche l’arbitro ha il coraggio di fargli abbandonare il campo, Ghezzi quindi, continua indisturbato la sua partita che termina pochi istanti dopo 76 – 64 per i padroni di casa.

Teo

Armin: dopo aver saltato la prima gara, si riprende il suo posto in cabina di regia riuscendo a gestire, non sempre al meglio, l’attacco.

Buona la mira da 3 nei momenti difficili.

6,5 buona la prima

Puch: è lui la guest star della serata, salta la prima gara per assenza giustificata, ma oggi sale in cattedra e impartisce lezioni agli alunni carugatesi.

7,5 professore

Dani: la sua prestazione è sempre buona ma manca ancora di quella incivisità per il salto di qualità; quando c’è bisogno di lui, risponde presente.

6,5 presente

Piè: prestazione di qualità per il ragazzo, non di un qualsiasi scadente prodotto cinese, da un’apporto fondamentale alla vittoria. Ci aspettamo questo da lui.

7+ ritrovato

Cri: è come aspettare un colossal e invece ci si ritrova a vedere un film di cinema indipendente, condisce la partita con un buon numero di assist che gli fanno trovare la sufficienza in pagella.

6 si può fare di più

Abbo: con il ritorno di raspanti il suo minutaggio in campo diminuisce, non trova la bomba da casa sua ma sostiene la squadra in modo intelligente.

6+ cervellone

Ghez: la prestazione non rispecchia minimamente quella di segrate, gioca poco e non può incidere.

5,5 insipido

Mazzo: serata da dietro le quinte per il protagonista della partita precedente

, anche lui sottotono come il resto della squadra.

6 non ci siamo

Ramon: il capitano rende la sua prestazione esaltante con due recuperi di qualità anche se segna poco lascia il segno.

6+ piovra

Fede: la statistica lo atterra con uno zero su tre dalla lunga distanza, invisibile in campo.

6-  “fate l’amore non fate la guerra”

Arbitro: buona prestazione, sicuro nelle decisioni e tiene salda la partita nelle sue mani.

6,5 good

Squadra: la partita dei giovani gorgonzolesi non è degna del cammino che li aspetta, molli in difesa e confusionari in attacco.

Per fortuna la squadra avversaria non era all’altezza del match ma se giochiamo così anche le squadre mediocri ci metteranno in difficoltà!!

Per fortuna che dove non ci arriva il collettivo, ci arrivino i singoli ma non può essere sempre così.

5 involuzione

Miglio

+Copia link

0 Responses to “Prima Squadra: Nuova Argentia – Don Bosco Carugate 76 – 64”