Under 17 ECC: Cantù – Argentia 66 – 56

Parziali; (14-17)(19-14)(17-16)(16-7)

Magnani 5, Bertuletti 5, Merlo 12, Brambillasca 10, Sirtori 9, Pesavento 8, Pradella 2, Pizzul 3, Ripamonti , Bucca , Vitali 2

TL: 14/26, T2:21/47, T3: 0/9, palle perse 20.

Prima la cronaca. Partono contratte entrambe le squadre e soprattutto ai nostri sembra mancare la scioltezza e l’inventiva che spesso abbiamo visto. Nonostante questo il primo quarto li vede in vantaggio con le squadre che sembrano controllarsi a vicenda. E la partita va avanti cosi per i primi tre quarti con una sostanziale parità nel punteggio. Tuttavia il gioco di Cantù appare più organizzato, che fa trovare sempre una buona conclusione. Se a questo aggiungiamo l’ottima percentuale al tiro dei canturini nel primo tempo abbiamo fatto la fotografia della partita. Poi ci saranno gli utlimi minuti del quarto quarto.

Anche se è facile parlare a partita finita, possiamo dire che la sconfitta era quasi dipinta sui volti dei ragazzi nel riscaldamento iniziale. Volti tirati, nessun sorriso, il peso di una partita che poteva delineare le prime cinque e l’interzona e i nostri ragazzi, lo sappiamo per esperienza, sentono molto la pressione degli incontri che possono avere un certo che di decisivo. Inoltre il Pianella rappresenta una sorta di maledizione negativa per tradizione. E’ un peccato perché cosi non devono pensare. Non bisogna mollare, mai, e avere fiducia nei propri mezzi che sono enormi.

Ma arriviamo a quello che sembra essere il problema attuale di Gorgonzola , il IV quarto. A 4 minuti dal termine eravamo 57-56 con un parziale quindi di 7-7. A questo punto Cantù ha alzato notevolmente l’intensità difensiva che gli arbitri non hanno fermato e di fronte a questo i nostri, così come era già successo a Casalpusterlengo e anche se con partite vinte , con Bergamo e con Iseo, si bloccano, non giocano e non cercano più una soluzione costruita e provata in allenamento ma “inventano”, nonostante i richiami di coach Gaia. E se tiri poco e quando tiri lo fai con un terrificante 0 su 9 dall’arco diventa difficile e si spiega il 9 a zero di cantù negli ultimi tre minuti . Cantù ha invece pazienza e, aggredisce ( saranno 20 le nostre palle perse al termine) non si fa prendere dalla fretta e gioca sempre la palla almeno per 20 secondi e vince, meritatamente.

La cronaca, i numeri, le poche conclusioni ( saranno solo 47 i tiri tentati in tutta la partita, i 12 tiri liberi sbagliati, le 20 palle perse e come abbiamo detto lo 0% da fuori) ci fanno dire che è un peccato perché non è una questione di tecnica ma solo di testa e di mentalità. In questa squadra ci sono dei giocatori molto dotati, che potrebbero fare la differenza che si sonno arresi a giocatori magari meno dotati tecnicamente ma molto, molto più diligenti. E in eccellenza è una caratteristica fondamentale. Ci vuole solo un po più di convinzione e diligenza di gioco. Forza ragazzi, non mollate.

+Copia link

0 Responses to “Under 17 ECC: Cantù – Argentia 66 – 56”