Prima Squadra: Nuova Argentia – Trezzano Rosa 72 – 61

OTTICA BRAMBILLA – TREZZANO ROSA 72 – 61 (24-15, 44-34, 56-45)

OTTICA BRAMBILLA: *Palumbo 8 (24), *Medea 7 (24), Cabot (14), De Nuzzo 18 (25), Piazzi (15), Lafragola 4 (22), *Raspanti 16 (35), Brambillasca ne, *Mazzocchi 6 (11), *Pozzi 13 (30). All: Gobbo

Partita tutto sommato gradevole, con gli ospiti che, malgrado il pessimo inizio di gara, non ci stanno a recitare il ruolo di vittime sacrificali, mentre i padroni di casa devono fare i conti con qualche assenza pesante (Abbiati e Ghezzi, con Brambillasca in panchina inutilizzabile). Partenza a razzo dell’Ottica, che nel giro di pochi minuti si trova in vantaggio sul 17-2, per poi rilassarsi e consentire a Trezzano di rientrare in partita, riducendo il distacco ad una decina di punti. Nel secondo quarto dà forfait anche Mazzocchi a causa di una caviglia malconcia e coach Gobbo si ritrova con le rotazioni ridotte ad otto giocatori. Gli ospiti, sicuramente più meritevoli di quanto dica la loro posizione in classifica, almeno alla luce di quanto visto in campo, approfittano della situazione ed arrivano anche a -2 a metà del terzo quarto, prima di subire i canestri da sotto ed una lunga serie di tiri liberi realizzati da DeNuzzo, che con 18 punti e 10 rimbalzi è il vero protagonista della seconda metà di gara. Riguadagnato un margine di sicurezza, l’Ottica arriva anche sul +13 a tre minuti dalla sirena finale, e stavolta la stoccata è veramente decisiva. Come detto in apertura la partita è stata gradevole e combattuta, ad ennesima dimostrazione che in questo campionato ogni squadra va affrontata con lo spirito giusto, per non incappare in dannosi passi falsi. La classifica vede ora Ottica Brambilla e San Donato appaiate al comando, con le inseguitrici che hanno perso qualche colpo nelle ultime gare: sarà quindi determinante lo scontro diretto del 24 marzo, ma nel frattempo coach Gobbo dovrà recuperare i vari infortunati per poter affrontare al meglio ogni partita.

CLASSIFICA:

OTTICA BRAMBILLA, SAN DONATO 24 p.ti;

SEGRATE(*),  S. ROCCO MZ. 18 p.ti;

A-TEAM MZ.,  MACHERIO 16 p.ti;

INZAGO 14 p.ti;

CARUGATE,  VIGNATE(*) 12 p.ti;

TREZZANO ROSA,  ARCORE, EQUIPE 83 MZ. 4 p.ti;

Gobbo: i giocatori gli spariscono dal campo uno dopo l’altro, così diventa creativo e improvvisa quintetti asimmetrici. Per fortuna si dimentica in campo DeNuzzo e lui contraccambia il favore. Criptico. Voto 2.

Raffo

 

DANI: si presenta con un nuovo look, ma ben presto si capisce che il taglio ha lo stesso effetto che fece a Sansone, a volte si incaponisce troppo ma cerca di tenere su la squadra, esce sfortunatamente per infortunio.

Voto: 6+ sotto standard

PIAZZI: entra carico come una molla così carico che fa tutto lui in un’azione tiro – rimbalzo – tiro , non è sempre lucido ma offre sempre la sua porca figura.

Voto 6,5 crumby

CABOT: anche lui è della partita entra si sbatte e lotta con risultati alterni ma fa capire che se c’è bisogno lui risponde presente.

Voto 6,5 carattere

FEDE: si presenta con un triplone d’altri tempi poi torna nell’ombra a fornire lavoro oscuro, a volte riuscendoci altre volte no, la sua presenza rimane importante all’interno della partita.

Voto: 6,5 Dart Fener

POZZI: inizia bene finisce meno bene, i suoi punti li porta sempre a casa, va a cercare gloria prima tentando da tre, capendo che non è giornata, cerca la gloria in un match di colpi proibiti con l’avversario nel quale non sfigura.

Voto 6/7 leggero come una farfalla pungente come un’ape.

TEO: papparrappapa ecco a voi the man of the match, tanto in forma che dopo la partita parte per scalare l’everest a mani nude e senza ossigeno.

Una macchina nel segnare punti, si suggerisce un controllo anti doping per lui.

Voto: 8 Reinhold Messner

JAMON: il capitano parte nel quintetto base e da la scossa alla squadra nel momento di difficoltà con le sue micidiali entrate, ma alla lunga gli avversari lo capiscono e alcune risultano forzate.

Voto : 6,5 perforatore

RASPA: oggi decide di lasciare a Teo la gloria e si mette in disparte rispondendo semi-presente quando viene chiamato in causa non al topo come il resto della squadra.

Voto: 6/7 sempre solido

MAZZO: sembra che stia ancora giocando la partita contro Carugate entra e rimane sempre sul pezzo, esce anche lui per infortunio.

Voto: 7 le patate le patate con in mezzo Mazzotin

Squadra: in attacco a parte la gran confusione tutto sommato si regge, non in maniera eccelsa ma si regge.

In difesa sembra di vedere un’esposizione di mobili IKEA, lenti e legnosi, va beh che l’avversario è quello che è ma si prende la partita troppo sotto-gamba per fortuna che nel momento in cui si è in difficoltà esce la forza dei vari singoli che riescono a riequilibrare la partita.

Voto 6,5 giornata pic-nic

Miglio

+Copia link

0 Responses to “Prima Squadra: Nuova Argentia – Trezzano Rosa 72 – 61”