L’Argentia ribalta il risultato delll’andata e batte Melzo

L’Argentia fa il miracolo e con una travolgente prestazione batte Melzo. Una partita tiratissima che vede i bianco blu vincitori, anche meritati, di un match avvincente. Per far capire la dimensione dell’impresa basta confrontare il risultato dell’andata con quello del ritorno. In casa il tabellone segnava 38-67 mentre a melzo, nella palestra della scuola Giordano Bruno si è segnato un 68-72. Sotto di 29 all’andata e sopra di 4 al ritorno. Ma questo non basta, perchè non da l’idea di ciò che si è realizzato. Infatti mentre gli avversari erano al completo i nostri erano solo in 9, causa varie assenze. Dietro a questo successo c’è sicuramente un grande lavoro di tutto il gruppo e un bel cambio di mentalità, che si riscontra osservando il primo parziale, perso in entrambi i match, ma con sostanziale differenza. All’andata il primo quarto era finito 7-16, al ritorno 20-18. La differenza è evidente. Sarebbe impossibile riassumere ogni fase di questa concitata partita che ha tenuto tutti col fiato sospeso. I numeri parlano da soli. Menzione di merito per Maiolani che mette a referto 24 punti e Pugliese (14) Mora (11) e Brambilla (10) tutti in doppia cifra. Unica nota negativa un ridicolissimo 17/38 ai tiri liberi.

Nuova Argentia: Amatemaggio 2, Pugliese 14, Maruko, Brambilla 10, Martella 8, Lamperti 3, Cusimano, Maiolani 24, Mora 11. All: Gobbo.

Parziali:

20 – 18,

17 – 21,

16 – 15,

15 – 18

TIRI LIBERI: 17/38

E ORA…

I PAGELLOZZI DI AMARINO MALLO

AMATEMAGGIO, VOTO 6

Gioca poco, e in quel poco che gioca mette uno dei canestri più irreali che abbia mai visto, se lo aveste visto ve ne sareste andati dalla palestra… detto ciò da il suo onesto contributo. FORTUNOSO

PUGLIESE, VOTO 7,5

Corre, si affatica, suda, si sbatte e fa di tutto. Esce dal campo pulendo con la lingua il pavimento per la stanchezza. Difende e attacca con costanza e gioca moltissimo. Ottima prestazione per lui. COMPLETO

MARUKO, VOTO 6

Gioca poco e fa ciò che deve, nulla di più, una partita che non ha potuto vederlo protagonista. Andrà meglio la prossima volta. STANDARD

BRAMBILLA, VOTO 7

Da grande infido infame quale è non si fa notare e ogni volta parte in contropiede come è sua consuetudine. Così si ritrova spesso solo sotto canestro. Da avversario gli romperei un braccio, ma ce l’ho in squadra e mi fa godere al top nonostante alcune mangiate sotto canestro da cenone da capodanno. INFIDO

MARTELLA, VOTO 7-

Il gigante buono non riesce a imporsi quanto deve a causa di un 30 del Melzo che fisicamente se lo mangia in atletismo. Nonostante questo da le sue legnate, anche necessarie, che lo portano a uscire per 5 falli e a segnare un po’ da sotto. BEN PRESENTE

LAMPERTI, VOTO 6,5

Il buon Ricky si ritrova a dover marcare l’immarcabile 30 che sembra onnipresente e onnipotente. Lamperti lo argina alla grande e contene dei danni inizialmente enormi. Il grandissimo lavoro difensivo va però pagato, e in attacco punge poco. DIFENSIVO

CUSIMANO, VOTO 8

E’ carico. Ma veramente carico. Sprona i compagni in difesa e li fa mordere e riporta la calma nella fase offensiva. Un vero leader che sa cosa dire ai suoi. Un’unico neo nella sua prestazione: non entra in campo, resta in panca per questa partita a spronare i suoi. CONVINTO

MAIOLANI, VOTO 8

Nonostante un iniziale 0 su 6 ai liberi che deprime lui e chi lo conosce a livelli abnormi, riesce a recuperare quegli errori e diventa una giornata d’oro. Gli entra di tutto, segna da 3 da sotto e in arresto e tiro. Gli manca solo di segnare dalla panchina. MIRACOLATO

MORA, VOTO 7,5

Mora all’arrivo sul campo da gioco: “mi sa che oggi non faccio molto, mi fa male un muscolo, la vedo dura…” e come volevasi dimostrare gioca 48 minuti su 40. Coach Gobbo non gli fa tirare mai il fiato, appena esce non fa in tempo a mettersi la sopramaglia che deve rientrare. È ovunque. MARMOREO

COACH GOBBO, VOTO 7+

Gestisce la partita egregiamente, sa fare girare gli schemi e fa difendere bene i suoi. Bravo anche a tenere alta la tensione. Spettacolari le tattiche messe in atto tramite le finte zone che mandano in crisi gli avversari. FANTASIOSO

+Copia link

0 Responses to “L’Argentia ribalta il risultato delll’andata e batte Melzo”