Corso adulti: La prima partita

Sabato 13 Aprile, ore 18.30: Finalmente anche i nostri valorosi giocatori del “corso adulti” hanno avuto modo di dimostrare le loro capacità! Gli avversari sono di Inzago e, come noi, sono quasi tutti ex giocatori e soprattutto ex giovani. 🙂

Gli spalti sono pieni di mogli, figli e amici. Probabilmente non tanto per la partita, ma più per la successiva pizzata. Poco importa, la partita inizia. Il punteggio è bassissimo ma alla fine a spuntarla sono i dieci di Gorgonzola, col punteggio di 29 – 42.

Una piacevole serata di basket, gnocco fritto, pizza e birra. Cosa volere di più?

 

Direttamente dalla Gazzetta dello Sport del 14/4/2013

STEFANO BARLASSINA: Preciso, composto, ordinato… Qualcuno ha osato dire che è bravo quasi come i suoi due pargoli. Ma loro hanno negato. Un riferimento in mezzo al campo. VOTO 8: FARO GUIDA.

ROBERTO CANEGRATI: MVP della partita, non solo per il gioco espresso, ma perché senza di lui non avremmo mai giocato. VOTO: 8+1 PER L’ORGANIZZAZIONE.

RUBEN FOLICALDI: Il “bimbo” della partita è uno dei migliori marcatori della serata. Specialista dei rimbalzi in attacco, quando appoggia al tabellone è un canestro sicuro. VOTO 8: SPIGOLINO.

LUCA GRIFFINI: Nella prima partita cestistica della sua vita, corre, corre, corre, difende, difende, difende. Non segna ma non importa, sarà per la prossima! Il suo contributo l’ha dato. VOTO 8: ATLETICO.

OSCAR NAPOLETANO: In una parola: esperienza. Sarebbe da qualche altra parte, ma ha il colore della pelle sbagliato. Gestisce, coordina, segna, ogni cosa che fa è utile. Tranne quando esordisce con uno 0/4 da tre. Per fortuna il quinto è entrato. VOTO 8: (EX) TIRATORE.

LUIGI OMATI: Fa del fisico e dell’atletismo il suo punto forte. Inarrestabile a rimbalzo e in penetrazione è probabilmente il migliore in campo. A tratti però si lascia però trasportare emotivamente. VOTO 8: BISBETICO.

DANIELE SERPE: Come i veri vip, arriva quando ne ha voglia. Entra a metà del secondo quarto e mostra a tutto il pubblico la sua dote principale: segnare i tiri più improbabili. VOTO 8: FUORI RITMO.

FEDERICO VARISCO: La sua mole lo rende inarrestabile. Quando vedi un TIR che ti sta venendo addosso, cosa fai? Ti sposti! E lui segna. VOTO 8: OMO DE PANZA, OMO DE SOSTANZA.

MASSIMO VERGANI: Ogni tanto si dimentica di tornare in difesa e resta là davanti pronto a ricevere il lancio lungo, appoggiando sul tabellone con il suo tiro ormai diventato leggenda, il semigancio. VOTO 8: ATTACCANTE.

COACH – GIOCATORE STEFANO GOBBO: Se qualcuno avrà voglia, troverete la sua pagella nei commenti qui sotto.

+Copia link

2 Responses to “Corso adulti: La prima partita”

  • 17 aprile 2013 alle 14:15 - Federico Bigatti.

    Complimenti a tutti!!
    Sono molto contento dell’entusiasmo e del coinvolgimento che avete portato all’interno dell’associazione. Questa è la dimostrazione che la pallacanestro è una passione che non ha età. Continuate così.
    Chicco

  • 16 aprile 2013 alle 18:18 - Lorenzo Barlassina.

    COACH – GIOCATORE STEFANO GOBBO: Con lui in campo ogni cosa è al suo posto, schemi, uomini e avversari; tutto è sotto controllo.
    Con la sicurezza che contraddistingue il solo e unico “padrone di casa”, delicatamente, quasi in punta di piedi senza voler disturbare distribuisce vere e proprie perle camuffandole da semplici assist. Il fair play dentro e fuori dal campo è da sempre il suo segno di riconoscimento. Una vera e propria MAGIA. VOTO 10: MAGO (HARRY POTTER del Basket).