L’Argentia crolla di fronte a un Buccinasco a portata…

Nuova Argentia Gorgonzola 44 – 71 Bionics Buccinasco

Argentia Gorgonzola: Magnani (’94) 8, Ghezzi L., Cirillo 5, Villa (’97) 2, Abate 4, Raspanti 10, Dossi, Brambillasca P. 2, Magoga (’97), Pradella (’94) 5, Bazzo (’97) 8, Cicala (’95).

Bionics Buccinasco: Serbandini 4, Pozzato 4, Chianese 2, Rota 2, Zulueta 7, Kisonga 15, Emiliani (’95), Romanoni 23, Sillari (’95) 4, Pedrazzini 10, Fornari.

Parziali: 10-10, 13-20, 11-20, 10-21

Pesante la sconfitta casalinga che incassiamo in questa giornata di campionato dalla Bionics Buccinasco.
Guardando i parziali, si nota subito che la nostra partita non è durata molto: nel primo quarto entrambe le squadre fanno più errori che altro, con i primi punti che arrivano solo dopo 3 minuti dall’inizio del match. Nel secondo periodo la partita rimane in equilibrio fino a metà quarto, poi due triple consecutive dei nostri avversari ci segano le gambe. Finiamo sotto di 10, ma la tripla di Armin sulla sirena tiene vive le speranze e a metà siamo sul 23-30.
Al rientro dagli spogliatoi, noi rimaniamo nella zona delle piscine e per i primi 4 minuti del quarto sembra esserci sono Buccinasco in campo: il parziale di 0-8 viene interrotto solo da una tripla di Cirillo, l’unica della sua partita, che fa sussultare un pubblico numeroso, ma fin troppo silenzioso. Finiamo sotto di 20, e anche se sul finire del periodo abbiamo una minima reazione, gli avversari ci tengono comunque a distanza di sicurezza. Meno 16.
Nell’ultimo quarto è solo garbage time per Buccinasco: la nostra difesa pressoché assente consente agli avversari di rifilarci continui miniparziali intervallati da qualche nostra conclusione. Il più pesante, lo 0-11 tra 3.00 e 0.57.
Finisce 44-71 e registriamo la seconda sconfitta davanti al pubblico amico con uno scarto piuttosto pesante.
Potremmo trovare degli alibi, giustificando il divario netto tra noi e loro con le assenze che avevamo tra le nostre fila, ma è una giustificazione che non può reggere. È stata sicuramente una serata infelice al tiro: 3/17 da tre è il dato più eclatante, risparmiamoci gli altri, ma la cosa che paghiamo di più è la nostra difesa troppo fiacca davanti a un avversario pienamente alla nostra portata che gioca una pallacanestro ben organizzata, ma non così lontana dalla nostra.
L’importante sarà ripartire da qui con un altro piede e un’altra mentalità per poter far bene contro avversari di questo calibro e dimostrare il nostro valore già a partire dal prossimo venerdì quando incontreremo una delle teste di serie del campionato, Segrate.

Il MEGLIO DELLA SERATA: la prestazione di Kevo, penalizzato dai falli ha giocato una buonissima gara contenendo i lunghi avversari e distinguendosi al rimbalzo soprattutto in attacco.
Da segnalare anche la prestazione di Teo: ben 8 i falli da lui subiti di cui tre hanno prodotto viaggi in lunetta, segno di chi anche sotto, ha voglia di vendere cara la pelle pur di riagguantare la partita.
Il MEGLIO DELLA SERATA 2: la mise di capitan Ska…qualcuno tra il pubblico mi ha chiesto se facesse il cameriere
Il PEGGIO DELLA SERATA: le percentuali al tiro

+Copia link

0 Responses to “L’Argentia crolla di fronte a un Buccinasco a portata…”