Torneo Mariani 2014: FINALE Nuova Argentia vs Sporting Milanino

Finalissima Torneo Mariani – Scoiattoli 2006. La fotografia più nitida di questa giornata ricca di soddisfazioni ce la regala l’ultimo spezzone della partita. Sesto tempo. Manca 1 minuto e una manciata di secondi allo scadere. Lo Sporting Milanino infila un ottimo canestro da fuori e per la prima volta nella partita mette la testa avanti. Il tabellone dice 4 a 3. La partita è già decisa, vero, 5 tempi già messi in cascina dagli indemoniati Scoiattoli dell’Argentia. La coppa del primo classificato è temporaneamente parcheggiata al tavolo della giuria, in attesa di prendere la strada per la panchina di sinistra, quella bianco-blu… 1 minuto dalla fine. Non è tempo di festeggiare, è tempo di completare la missione speciale: “Noi vogliamo questa vittoria!!” urlano i ragazzi del 2004 che dagli spalti incitano i loro compagni del 2006. E allora giù la testa e sù l’adrenalina. Contropiede Somazzi – Ilic, il Milanino non capisce cosa sta succedendo: 5 a 4. Ci fermiamo? Assolutamente no. Trenta secondi dalla fine, lo Sporting vuole il punto della bandiera, noi vogliamo tutto. Difesa schierata, tiro del Milanino: fuori! Rimbalzo dello Sporting ma subito palla rubata! Niente contesa, via di corsa dall’altra parte. Tutti. Gioco di squadra. La palla gira. 25 secondi alla fine. Ancora una volta il pallone arriva lì dove deve arrivare: Ilic libero in zona lunetta. Il braccio si alza. 2 punti! La sirena torna protagonista. E sancisce il 7 a 4 del sesto tempo. Il dolce suono che mette fine alla partita rende ufficiale il sogno domenicale dei nostri Scoiattoli. Ci siamo. Abbiamo vinto. Siamo nella ‘piccola’ storia di questo torneo.

La storia di questo Mariani 2006 non ha un lieto fine. Ma solo per gli altri. Netta, incontestabile, vorace, imperiosa la supremazia dei veloci e rocciosi Scoiattoli dell’Argentia: 6 a 0 nei quarti di finale ai Rossi del Cornaredo, 6 a 0 in semifinale ai Rossi del Cinisello, 6 a 0 in finale ai celesti dello Sporting Milanino. 18 tempi giocati, 18 vinti, 0 persi!

Il tabellino di questa finale, che riscatta la sconfitta dell’anno scorso in semifinale dell’allora 2005 di cui facevano parte alcuni dei nostri scoiattoli di oggi, vede andare a referto quasi tutti i 12 campioncini. E chi non ha fatto muovere la retina ha raccolto palle vaganti, fatto passaggi e preso rimbalzi che hanno influenzato, eccome, il punteggio. Tutti utili come un canestro segnato. I parziali che vengono consegnati alla storia del Mariani 2013 sono netti: 6-2, 12-4, 12-5, 8-7, 10-2 e 7-4.

Ma parliamo di questi 12 grandi protagonisti: il roccioso Simone Vigliotti, l’inarrestabile rubapalloni Davide Stigliani, Paolo ‘The Chief’ Nodari, il sempre concentrato e utilissimo Davide Simonetta, Andrea ‘La Trottola Atomica’ Bigatti, il top scorer Federico ‘Speedy Gonzales’ Bettinelli, Matteo ‘Guerriero’ Somazzi, Lorenzo ‘Iceman’ Villa, Filippo ‘The Rock’ Bertolotti, Danilo ‘Bomber’ Ilic, e poi tanti rimbalzi e cuore per Luca Amadigi, grinta inesauribile e 100-1000 contese per Luca Cento. Chapeau!

Doverosa e piacevole nota finale per Coach Ferri, che ha guidato con la tradizionale severità e lucidità questa squadra alla vittoria. Il lavoro fatto negli ultimi due anni su questi ragazzi, senza dimenticare tutti gli altri 2006 che nel corso del girone di qualificazione hanno dato il loro importante contributo, ha cominciato a dare i primi frutti. E che frutti! Prelibatezze di fine autunno. La formula magica per trasformare la fatica della settimana nella gioia della domenica.

Ora è tempo di campionato, si ricomincia da 0. Ma godiamoci per qualche giorno questa vittoria. Da oggi l’Argentia 2006 è diventata una delle squadre da battere. Onore (e onere) conquistato sul campo. Campioni!

+Copia link

0 Responses to “Torneo Mariani 2014: FINALE Nuova Argentia vs Sporting Milanino”

  • 24 novembre 2014 alle 14:23 - Ezio Bertolotti.

    Grande Claudio, ottima cronaca puntuale e poetica.La penna 2006 e’ tutta tua.E che dire di noi genitori impazziti sugli spalti e pronti a mille boati 🙂 e per qualche ora tornati bambini.