Under 13 Elite: L’allenamento da i suoi frutti anche nella sconfitta

Nuova Argentia: Paglioli 2, Vergani 2, Crippa 2, Marsico, Cento 2, Djaffi, Isgrò, Valeri, Maraschi 10, Pennati 8, Filippi 4, Meroni 10
All: Gobbo/Cusimano
Tiri da 2: 20/66 (30.3%)
Tiri da 3: 0/7
Tiri Liberi: 0/2
Falli Fatti: 17
Falli Subiti: 7
Rimbalzi Difensivi: 32 (Maraschi 13)
Rimbalzi Offensivi: 15 (Maraschi 5)
Palle Recuperate: 19 (Crippa 5)
Palle Perse: 47 (Cento 11)
Assist: (Isgrò 3)
Stoppate: 4 (Meroni, Maraschi 2)
Valutazione Squadra: +16 (Maraschi +31, Meroni +15)
Progressivo: 19-10; 14-12; 20-8; 12-10;

Giro di boa contro i fenomeni di Cantù ormai alle spalle la nostra Under13 elite si appresta a una lontana trasferta a Cornaredo per la prima di ritorno (tra l’altro, nota di merito a chi è arrivato in loco alle 16.00 dovendo giocare alle 17.30). Ci si avvicina, quindi, a quello che è il primo vero test per vedere se ci sono stati dei miglioramenti nel gruppo o meno rispetto a un paio di mesi fa.
Se si dovesse rispondere a questo dubbio guardando solo ai primi possessi che seguono la palla a 2 la risposta sarebbe no, assolutamente no. Infatti i padroni di casa ci rifilano un pesante parziale di 10-0 nei primi 3 minuti di gioco. Il coach, preoccupato in panchina, chiama minuto, scuote i suoi, li incita, e qui inizia la partita. Certo è che evitare di iniziare a giocare solo quando si ha un handicap di 10 punti dagli avversari sarebbe quanto meno auspicabile. Dal nostro primo canestro in poi il parziale è di sostanziale parità, anzi, paradossalmente dal quarto minuto in poi noi segniamo a referto un punto in più degli avversari, chiudendo il quarto 19-10.
Forse la possibilità di giocarsi la partita e magari di fare vedere che qualcosa è stato realizzato in questi due mesi c’è. Un pensiero, questo, che viene alimentato da una serie di canestri che piovono appena scoccato il secondo quarto che arrivano a portare i bianco blu sul 19-18. Peccato che sopraggiunga qui un pesante black out nelle menti di chi sta calcando il parquet che sembra rimanere passivo rispetto e un allungo avversario che ripristina una sostanziale distanza portandosi sul 29-18. Nulla cambia nelle distanze negli ultimi due minuti del secondo quarto e si va all’intervallo sul 33-22.
Al ritorno dall’intervallo non ci sono nè grandi rimonte nè grandi allunghi. Peccato che quando per ogni canestro fatto gli avversari ne segnano di media 2, uno in contropiede dal canestro subito e uno nell’azione dopo, il risultato non tende ad arriderci: 53-30 segna il tabellone, forse con fare troppo severo nei nostri confronti.
Arriviamo quindi agli ultimi 10 minuti di partita. I nostri scendono in campo convinti e segnano 3 buoni canestri in scia. Sembra poter essere una discreta reazione che ci porta fino al 55 – 38 a 3 minuti dalla fine. Alla fine il tabellone segnerà 65-40, con un -25 per la nostra Under13 che per assurdo ci lascia col sorriso.
Non conoscendo la situazione del nostro campionato sembrerebbe io sia impazzito ma così non è: se si va a guardare lo scarto della stessa partita nel girone di andata si trova scritto -45 ai nostri danni. Abbiamo recuperato 20 punti rispetto alla nostra precedente partita. Non è una cosa da sottovalutare perchè questo è esattamente il nostro obbiettivo. Migliorare giorno dopo giorno, allenamento dopo allenamento e partita dopo partita, senza farsi demoralizzare da numeri pesanti, molto, figli di un campionato pesantissimo. Una ossimorica sconfitta felice. La prima, sperando non sia l’ultima.

+Copia link

0 Responses to “Under 13 Elite: L’allenamento da i suoi frutti anche nella sconfitta”