Under 13 Elite: Facciamo passi da giganti ma non basta

Under 13 Elite: facciamo passi da giganti ma non basta

Nuova Argentia: Paglioli, Airoldi, Crippa 5, Marsico, Cento 6, Djaffi, Valeri, Braga, Maraschi 14, Pennati 4, Filippi 4, Meroni 6.

All: Gobbo

Tiri Liberi: 4/10 (40% vs 0% precedente partita)

Falli Fatti: 25

Falli Subiti: 17

Progressivo: 27-9; 10-13; 18-6; 8-11;

Seconda partita di ritorno in un girone di ferro, giochiamo in trasferta contro Bergamo Basket, squadra seconda in classifica dietro al Cantù. All’andata in casa è stata una sconfitta pesantissima 28-86, ma affrontiamo questa gara convinti dai miglioramenti mostrati la scorsa partita.

Un encomio particolare per la curva itinerante dei genitori tifosi che nonostante le avverse condizioni climatiche e di traffico natalizio è sempre presente, forza Argentia si parte!

Ci siamo, rimbalzo vincente di Crippa al primo attacco degli avversari, passaggio su Filippi che segna il +2, seguito da Meroni e Crippa, ci portiamo subito sullo 0-6, tutti increduli in tribuna, sembra che i ragazzi possano gestire bene questo inizio, il coach sbraita DIFESAAA!!! mentre il Bergamo fatica a costruire azioni d’attacco. Arriva il 2-6 che teniamo fino al 4° minuto di gioco, poi dopo il time out la partita purtroppo cambia faccia. Pareggio del Bergamo sul 6-6 al 5° minuto e poi il tracollo, non riusciamo a uscire dalla nostra area, due volte l’arbitro ci fischia gli 8 secondi, palla al Bergamo che ci rifila all’8° minuto un 22-8 per chiudere il primo quarto a 27-9. Il pesante e immeritato risultato del Q1 ci condizionerà tutta la partita e il risultato finale.

Partiamo il secondo quarto all’insegna di Cento che realizza un fallo antisportivo, un po’ eccessiva ma ci sta. Il nostro Marco si rifà immediatamente segnando subito un canestro nell’azione successiva e realizzando due assist per Maraschi. Oggi il nostro Giorgio Maraschi è tra i migliori in campo, colonna della difesa e miglior realizzatore con 14 punti, Marco dopo l’antisportivo chiuderà l’intero match con un totale di 2 falli fatti, un bel miglioramento considerate le precedenti due partite con 5 e 4 falli fatti. Ci portiamo sul 31-19 al 5° minuto con un parziale per noi di 4-8. Il Bergamo ricomincia a pressare e non riusciamo ancora ad uscire dal nostra metà campo, Il coach, in panchina preoccupato, chiama minuto, li incita, li carica. Riusciamo a resistere e chiudere un soddisfacente secondo quarto con un parziale di 10-13 per noi e un risultato di 37-22.Si va negli spogliatoi, non male ci pesano tuttavia quei -14 punti rifilati nel primo quarto.

Si parte con il terzo quarto e i padroni di casa ci rifilano un pesante parziale di 10-2 nei primi 3 minuti di gioco. Il coach, si arrabbia prova due cambi, peccato che sopraggiunga l’ormai nostro classico black out nelle menti dei ragazzi che sembrano stanchi e demoralizzati rispetto ad un allungo avversario che mette in bella mostra le sue capacità tecniche, chiudono un meritato tempo con un parziale di 18-6 (55-28).

Arriviamo quindi agli ultimi 10 minuti di partita. Si scende in campo con la sensazione che ormai il match sia deciso, ma questo per assurdo porterà gli avversari ad essere più rilassati e lasciare i più forti in panchina e i nostri invece a giocare con il “non abbiamo nulla da perdere ormai” nelle menti. Sembra poter essere una discreta situazione emotiva per noi, che giochiamo a bene e, a sprazzi, mostriamo azioni entusiasmanti, due o tre passaggi e siamo davanti al canestro, andiamo a segno due volte Maraschi, due volte Meroni, Crippa e Djaffi e vinciamo il quarto tempo per 8-11, tanto che costringiamo gli avversari a far rientrare in campo il due loro migliori realizzatori della partita. Alla fine il tabellone segnerà 63-39, con un -24 per la nostra Under13, ma facciamo passi da giganti, vinciamo due quarti, mostriamo sprazzi di gioco entusiasmante, sono lontani i giorni in cui perdevamo con 60 punti di scarto, striamo crescendo!! Abbiamo davanti due avversari più semplici, prima dell’ultima con il Cantù, coraggio ragazzi!

+Copia link

0 Responses to “Under 13 Elite: Facciamo passi da giganti ma non basta”