Al Palestrone non si passa: Serie D 65 – 58 Cornaredo

Nuova Argentia Gorgonzola 65 – 58 Cornaredo Basket

Argentia Gorgonzola: Magnani (94) 13, Cirillo 8, Ghezzi M. 4, Abate 5, Raspanti 8, Scaltrito 3, Brambillasca P. 6, Magoga (97) 1, Pradella (94) 14, Cicala (95), Mazzocchi 3, Longoni (97).

Cornaredo Basket: Picarelli (95), Puato (96), Basani 17, Benfenati (94) 7, Marangoni (96) 7, Proserpio (97) 7, Colombo 2, Pigliafreddo 4, Antonini 1, Bergamo 10, Gatta (95) 3, Barattieri.

La cenerentola del girone, Cornaredo, si è presentata al Palestrone più che cosciente che la partita contro di noi sarebbe stata, molto probabilmente, l’ultima chance per provare a salvarsi. Coach Icio fa ben presente ai ragazzi questa cosa in spogliatoio: sarebbe stata una partita in cui più che l’aspetto tecnico-tattico, la differenza l’avrebbe fatta il carattere e le condizioni mentali di ciascun giocatore in campo.
E così, forse troppo cullati dalle parole del coach, i nostri pensano bene di rimanere per 20 minuti nello spogliatoio. La cronaca narra di un allungo iniziale di Cornaredo a cui la panchina cerca di sopperire con un TO che però non porta a una vera e propria reazione. Già nel primo quarto, non sapendo più che pesci pigliare, il coach è costretto a far girare in campo quasi tutti gli schierabili. Eppure nulla.
Il secondo quarto è lo specchio del primo: in panchina ci giochiamo male il secondo time out, tanto che a fine periodo il coach ne vorrebbe un altro, che viene prontamente negato dal tavolo. Si salvano solo per qualche guizzo Ciro e Mazzo, il primo autore di due conclusioni dalla media da definire salvifiche, e il secondo con una stoppata da manuale indice di chi ha voglia di reagire.
I dieci minuti di pausa sono manna dal cielo, o forse ero io che portavo male. Nella seconda metà della gara la musica cambia: i nostri rientrano sul campo con la grinta e la voglia che ci caratterizza. Salgono in cattedra Teo e Fabio che ricuciono il gap scavato dagli avversari. Teo, finisce due volte in lunetta e piazza un 3/4 ai liberi da cui gli Under 14 dovrebbero trarre ispirazione (alla fine saranno 7/8 i suoi liberi); Fabio fa la voce grossa da tre coadiuvato da capitan Ska che non sbaglia da sotto.
Nell’ultimo periodo ancora Fabio e lo specialista Armin sparano dal perimetro, Teo continua a tartassare da sotto e a portarsi in lunetta, così strappiamo un’altra vittoria. Ripetiamo lo stesso scarto dell’andata, 7 punti, e un risultato molto simile al primo scontro tra le due compagini che si era concluso con 61 punti di Cornaredo e 68 nostri.
Domenica andremo a far visita alla seconda della classe, la Bionics Buccinasco. Tolta Rondinella, che sta facendo un campionato a sé ed è ormai certa della prima posizione, nessuna delle altre squadre è invincibile: dipende solo da noi. Forza ragazzi!!

Il MEGLIO E IL PEGGIO DELLA SERATA? Mah, il meglio non lo so non avendo visto la seconda metà di gara in cui si è concretizzata la vittoria, forse il peggio sono stati i 20 minuti di ritardo con cui siamo scesi in campo!!

+Copia link

0 Responses to “Al Palestrone non si passa: Serie D 65 – 58 Cornaredo”