Aquilotti 2005: Nuova Argentia – Arcore 6 – 0 (56 – 22)

parziali 16-1,7-4,9-6,9-2,9-5,6-4

Al Palestronum Arena (per attenerci alla citazione
di Claudio) è di scena l’Arcore. E’ ancora vivo il
ricordo della partita di andata persa di appena un
punto e c’è gran voglia di riscatto. Coach Ferri carica
adeguatamente i suoi.
Primo tempo : Filippo-Paolo-Federico-Chiara
Partenza lanciatissima, siamo 6-0 dopo neanche un
minuto, la palla circola a velocità vertiginosa,
singolare un’azione nella quale toccano tutti palla
e andiamo a canestro senza neanche un palleggio.
L’Arcore sembra annichilito, Filippo bombarda da
ogni posizione, Paolo scaccia i fantasmi dell’andata
e questa volta non ne sbaglia uno. Betti è in versione
assistman. Il divario continua a crescere e la sirena arriva
liberatoria per gli avversari, fermando il punteggio sul 16-1,
con i nostri tutti e 4 a segno con il coach che si spella le
mani in panchina, il numero di “Bravi” raggiunge quote
vertiginose.
Secondo tempo : Simone-Martina-Alessandro-Riccardo
Ci si aspetta la reazione dell’Arcore che in parte
arriva, i nostri vanno un pò difficoltà, capitan
Simone non sembra in gran giornata, soffre il colosso
avversario e si carica presto di falli, ma ci pensano
i suoi compagni a tenere alta la tensione, Ricky,
detto Cecchino, non sbaglia mai da sotto, Alessandro sembra
sempre sul punto di cadere e poi ti inventa il canestro che
non ti aspetti, super Martina in campo è il solito pitbull e
non molla un pallone neanche sotto tortura.
Seppur con qualche patema riusciamo a vincere anche
la seconda frazione.
Terzo tempo : SimoneP-Davide-Edi-Danilo-Luca
Rientra in squadra Luca dopo diverse settimane, ha
risolto i suoi problemi fisici, la gran voglia di lottare
compensa una fisiologica ruggine. Tra un paio di
settimane sarà al top.
L’Arcore cerca di mettersi in partita ma coach Ferri
tira fuori un’altro jolly, il nostro giovane Danilo,
a volte un pò egoista, spesso fa arrabbiare i
compagni, ma è capace di grandi accelerazioni e porta
palla come pochi, sono tutti suoi i punti che ci
consegnano anche la terza frazione.
Una citazione anche per il nostro totem Davide, a volte
un pò lunatico, ma capace di lottare su ogni pallone
senza timore di recuperare palloni dalla spazzatura.
Nell’intervallo il coach avversario porta la squadra
negli spogliatoi cercando di porre rimedio ad una
situazione che si è fatta difficile. Appare ancora incredulo.
Quarto tempo : Paolo-Edi-Filippo-Federico
Poco sembra cambiato, i nostri continuano ad imperversare
in tutte le zone del campo, vanno a canestro con facilità
e prendono tanti rimbalzi, come raramente quest’anno si
è visto. Il trio Paolo-Fede-Filippo oggi è irresistibile,
il buon Edi fa anche lui la sua figura, a volte palleggia troppo,
ma con molta disciplina tiene sempre il suo.
Pur non sui livelli inarrivabili del primo tempo portiamo a casa
un 9-2 di tutto rispetto che pone fine all’incontro.
Quinto tempo : SimoneS-Chiara-Riccardo-SimoneP
Ci sono ancora energie per rendere ancor più pingue
il bottino, Chiara vola a canestro con la sua consueta
leggerezza, papà Vergani si emoziona e manda il cronometro in tilt.
SimoneP è il solito lottatore, lo chiamano SuperPerretta,
oggi non brilla, ma in campo si sente.L’Arcore rimane sul 4-4 a poco
dalla fine. Coach Ferri richiama a gran voce in partita capitan Simone,
detto Spino, oggi in crisi mistica. Gioca tutto il tempo con 4 falli,
sbaglia tanto, ma riesce alla fine ad apporre il suo sigillo con
due bei canestri e un bell’assist a Chiara e fa così contenta la
sua mamma che già si disperava nelle gradinate.
Sesto tempo : Danilo-Alessandro-Martina-Davide-Luca
Qualche appannamento nei nostri, che appaiono un pò
stanchi, riuscità l’Arcore ad aggiudicarsi questo
tempo ? Sul 2-2 le premesse sembrano buone, ma Alessandro
inventa un incredibile canestro che ci porta avanti.
Nella girandola dei tiri liberi finale riusciamo a
rimanere avanti e il cappotto è cosa fatta.

Possiamo definirla la partita quasi perfetta, il coach è
raggiante a fine partita, ricorderà a lungo quel fantastico
primo tempo, ma finalmente può portare a casa un pò di voce,
visto che oggi ha potuto risparmiare le sue fatidiche urla.
La squadra continua il suo percorso di crescita, tante
le cose positive, enorme il potenziale offensivo di questa
squadra nella quale i canestri arrivano da tante bocche da
fuoco, ma in grande ascesa anche la tenuta difensiva,
si vedono molte meno ingenuità e soprattutto si cominciano
a prendere più rimbalzi, si gestiscono le azioni con grande
lucidità, con poche forzature e con scelte quasi sempre giuste.
La strada è quella giusta, continuiamo pure a divertirci.

Foto di Massimo Vergani.

+Copia link

0 Responses to “Aquilotti 2005: Nuova Argentia – Arcore 6 – 0 (56 – 22)”