Segrate strapazza l’Argentia dopo venti minuti di equilibrio

Nuova Argentia Gorgonzola 52 – 67 Gamma Bk Segrate

Argentia Gorgonzola: Magnani (94) 6, Cirillo 6, Villa (97) 8, Abate 2, Raspanti 3, Scaltrito 7, Minervino 6, Brambillasca P. 2, Cicala (95) 3, Longoni (97), Bischetti 9.

Gamma Bk Segrate: Ravanini (96) 4, Azijn 7, Travaglini 7, Chioda 10, Frigerio 6, Guerra 10, Di Benedetto (95) 8, Galletta (94) 12, Bottan 2, Magnaghi (98), Magenga, Salandini (96) 1.

Parziali: 16-18, 20-18, 9-17, 7-14

Dura venti minuti la partita dei biancoblù al Palestrone venerdì sera contro i pari categoria della Gamma Basket Segrate.
All’appello ci presentiamo in 11 e con due defezioni non indifferenti: attacco febbrile per Fabio e indisponibilità per Mazzo. È ovvio che queste due assenze non possono essere prese come un alibi, ma è altrettanto ovvio che questi due giocatori sono, spesso e volentieri, attori protagonisti e non spettatori non paganti delle partite della nostra prima squadra.
Ma andiamo con ordine…
Il primo quarto parto con una Gamma particolarmente ispirata che ci tiene a secco di punti per quattro minuti finché, dopo nostro TO, un’ingenuità giallorossa spedisce Guglielmo in lunetta. Due su due e reazione dell’Argentia che, con due triple rispettivamente di Ciro (9-15 a 3’02”) e di Ska (12-15 a 2’38”), si riporta sotto mettendo paura agli ospiti. Il primo periodo si chiuderà poi sul 16-18 con la dimostrazione che il parziale di 0-13 di inizio gara, era già stato spedito nel dimenticatoio.
Il secondo periodo si gioca quasi in perfetto equilibrio con le due compagini che si alternano alla guida della gara. Notevole il canestro sulla sirena di Pietro che porta la gara in parità sul 36-36.
Zero a zero e si riparte, ma Segrate rientra in campo molto più carica dei nostri.
Dopo tre minuti, il nostro piccolo vantaggio conquistato sfuma grazie alla precisione degli esterni della Gamma dotati di mani torride. Dopo 30′ il tabellone dirà +8 Segrate e noi non avremo più la forza di portarci anche solo vicini ai nostri avversari.
Nell’ultimo periodo, Segrate si limita ad amministrare il vantaggio dilatandolo sfruttando i nostri errori e le nostre mancanze difensive.
A fine gara Segrate si conferma squadra di livello, ormai rodata nella categoria e firma un +15 finale che ci rende consci di aver fatto passi indietro rispetto alle buone prestazioni di inizio girone di ritorno.
Il MEGLIO DELLA SERATA: la reazione nel primo quarto da -13 a -2
Il PEGGIO DELLA SERATA: le 21 palle perse che gli avversari hanno spesso e volentieri trasformato in canestri facili

La prossima gara, ancora casalinga, si giocherà venerdì 6 marzo alle ore 21.15 al Palestrone!

+Copia link

0 Responses to “Segrate strapazza l’Argentia dopo venti minuti di equilibrio”