Torneo di Pesaro 2003: Nuova Argentia – Asti 40 – 22

N.ARGENTIA. Vergani 10, Vulpiani 13, Villa 2, Omati 6, Merli M 4, Napoletano 3, Canegrati 2, Bertolotti, Bindellini, Merli S, Baciu, Zucchella, Sirtori, Rigillo. Coach Gobbo.Assistente Napoletano

Parziali 9-7/ 9-4/ 15-5/ 7-6

Tiri liberi di squadra 4/12

Tiri liberi singoli Vergani 2/3 Merli M. 0/2 Napoletano 1/2 Bertolotti 0/2 Vulpiani 1/3

Comincia l’Adriatica cup 2015 di Pesaro per gli esordienti 2003. Dopo l’arrivo della squadra giovedi’sera 30 aprile nella suddetta localita’ i ragazzi di coach Gobbo hanno tutto il giorno successivo per preparasi all’esordio serale contro Asti A. La giornata e’ all’insegna del relax in spiaggia tra partite di pallone e aperitivo degli istruttori. Il tempo trascorre e sale alta la concentrazione dei ragazzi che vogliono ben figurare in questo importante torneo nazionale. Il Luogo e’ la tensostruttura nella frazione di Villa Ceccolini. Arriva il pulman che scarica gli atleti, nell’attesa che si cambino ci godiamo gli ultimi minuti di una gara del torneo femminile. La struttura che ci ospita e’ una delle migliori fin qui mai viste, il parquet e’ tirato a lucido, le tribune sono comode e la temperatura e’ quella ideale. Comincia il riscaldamento agli ordini di capitan Sirtori. Alcuni genitori studiano gli avversari e si preoccupano di come possa andare a finire. I giocatori di Asti sono gran parte alti e ben dotati fisicamente, senza contare che avendo piu’ squadre iscritte vantano un tifo che ci sovrasta numericamente. Gli spalti si colorano di arancione, ma noi non ci facciamo intimorire (a meta’ gara ci hanno raggiunto i genitori degli Aquilotti 2005 per dare il loro sostegno ai “fratelli” maggiori). L’arbitro segnala i 3 minuti che restano per l’inizio. Si comincia!!!!! Parte subito forte Asti che in pochi minuti si porta in vantaggio grazie a un parziale di 0-5 che non fa ben sperare. I blu devil soffrono l’emozione ma non demordono. Il primo canestro del loro torneo di Vergani sblocca la situazione.Il gioco finalmente e’ piu’ sciolto e fluido, la palla gira a ritmo forsennato, riusciamo a pareggiare e addirittura a portarci sopra, ma non riusciamo ad allungare. Asti risponde colpo su colpo , Merli M. si lancia su ogni pallone come fosse posseduto da una forza aliena, Zucchella sfrutta i suoi centimetri per recuperare palloni preziosi a rimbalzo per poi consegnarla a Vergani, il quale oggi trasforma in oro tutto cio’ che tocca. Canegrati seppur si evinca il suo timore per il polso appena guarito dall’infortunio da’ il suo contributo facendo valere la sua prestanza fisica(attendiamo che riacquisti la sua miglior condizione fisica). Omati dopo un inizio in sordina, probabilmente dovuta all’emozione da’ il suo apporto alla causa riuscendo a infilare pregevoli canestri. Il primo quarto termina con l’Argentia sopra di due misere lunghezze che non gratificano il gioco fin qui espresso. Il secondo rispecchia quello precedente, cambiano solo i protagonisti. Sale altro il grido ARGENTIA! ARGENTIA! dagli spalti. I ragazzi sembra non tocchino il parquet dal tanto che vengono sollevati dal tifo dei genitori, anche dalla panchina sale l’urlo di incitamento ai compagni, Bertolotti e Merli S. non curanti di essere classe 2004 si trovano a meraviglia coi compagni piu’ grandi, il primo in particolare recupera una gran quantita’ di palloni a rimbalzo.Il secondo porta palla con pregevole sicurezza. Il capitano Sirtori soffre i centimetri degli avversari ma appena ha la possibilita’ lancia i compagni in contropiede. Vulpiani come sempre e’ tra i migliori realizzatori della squadra sfruttando a pieno il suo fisico straripante. Napoletano realizza un pregevole canestro in mezzo gancio, facendo felice papa’ Oscar che per l’occasione indossa la sua camicia di “Pozzie” portafortuna.Terminiamo il secondo quarto aumentando leggermente il vantaggio, che non ci mette ancora al sicuro. Il terzo finalmente e’ quello che ci permette di allungare e salutare Asti che ormai frastornato non si capacita di cosa stia succedendo. Nell’ultimo tempo l’Argentia controlla agevolmente la partita mantenedo un giro palla da squadra matura e sicura dei propri mezzi. Anche Bindellini, Rigillo,Villa e Baciu si sono spesi per la causa senza timore. La sirena finale blocca il punteggio su un incoraggiante 40-22 che fa ben sperare per la prossima partita che si svolgera’ sabato mattina alle ore 10.45.

+Copia link

0 Responses to “Torneo di Pesaro 2003: Nuova Argentia – Asti 40 – 22”