Sesti classificati a Pesaro: Nuova Argentia – Tumminelli 30 – 31

N.ARGENTIA. Vergani 1, Vulpiani 2, Villa 6, Canegrati 6, Rigillo 3, Bertolotti 2, Merli M.4, Merli S.2, Napoletano 2,Omati,Baciu,Bindellini,Zucchella,Sirtori.Coach Gobbo. Assistente Napoletano

Parziali 11-10 / 2-7 /12-8 / 5-6

Tiri liberi di squadra 4/14

Tiri liberi singoli Canegrati 0/2 Vergani 1/4 Rigillo 1/1 Vulpiani 0/2 Bertolotti 2/2 Merli M. 0/4

Arriviamo domenica 3 maggio all’epilogo di questa stupenda esperienza pesarese dei nostri esordienti 2003. Giochiamo la finale per il 5/6 posto, l’avversario di turno e’ Tumminelli di Milano, formazione a noi ormai abbastanza nota per averla avuta nel campionato 2013/2014. Il bilancio delle sfide e’ in perfetta parita’ con una vittoria per parte. I ragazzi percorrono il lungomare a piedi dall’ Hotel fino ad arrivare al centro sportivo “Basket Giovani”. Con sommo stupore ci accorgiamo che il campo e’ inedito rispetto ai soliti su cui giocano i blu devil. Ovvero e’ all’aperto e completamente in cemento liscio. I genitori si accomodano sulla piccola tribunetta a bordo campo. Il sole splende alto nel cielo riscaldando non solo il terreno di gioco ma anche i poveri tifosi intenti a cercare un’oasi di refrigerio. Intando apprendiamo che capitan Sirtori non scendera’ in campo causa dolori di stomaco, sicuramente causati dalla stanchezza accumulata in questi giorni. L’atmosfera sembra quella di fine anno scolastico, le motivazioni sembrano mancare da entrambe le parti. Inizio di primo quarto con l’Argentia appaentemente piu’ sul pezzo, nonstante il gran caldo e un’alta percentuale di umidita’ riesce a dare un leggero distacco agli avversari portandosi sul 7-2 grazie alla buona lena di Merli M. e Rigillo. Purtroppo non sono ben supportati dai compagni e inevitabilmente subiscono un calo fisico che permette a Tumminelli di rientrare in partita, chiudendo il tempo con un misero vantaggio di +1. Nella seconda frazione il punteggio stenta a incrementarsi, molti sono gli errori da entrambe le parti. Gli atleti spesso attingono acqua dalle borracce per trovare refrigerio, persino papa’ Zucchella si improvvisa beduino per evitare l’insolazione. Mamma Napoletano benche’ sia di pelle bianchissima dimentica di spalmarsi….. o di farsi spalmare dal maritino la protezione solare, provocandosi a questo punto un discreto arrossamento alle braccia. Intanto sul campetto ormai reso scivoloso dalla sabbia in nostri esordienti tentano di difendere il vantaggio, purtroppo non riuscendoci e subendo addirittura un parziale negativo di 2-7. Nel terzo quarto tocca a noi salire in cattedra producendo uno sforzo tale che ci permette di chiudere in pareggio 25-25. Come successo con la rimonta contro Alba coach Gobbo lascia il quintetto formato da Vergani, Vulpiani, Bertolotti, Zucchella e Villa per l’ultima frazione, nella speranza di dare quel colpo di coda che possa permettere alla squadra di portare a casa questa benedetta quinta piazza. Anche questo tempo all’insegna dell’ equilibrio, l’Argentia produce tante azioni d’attacco ma si moltiplicano gli errori. Vulpiani a meta’ tempo commette fallo. L’arbitro al tavolo, nel totale stupore generale, alza la paletta del quinto fallo (a noi risultava fosse solo il terzo). Termina qui il suo torneo, gli subentra Omati che tenta di dare il contributo alla causa. Sul 29 pari Vergani guadagna due tiri liberi di cui uno solo realizzato. Siamo sopra di uno ma non ci permette di stare tranquilli. Mancano 15 secondi alla sirena e sul 30-29 coach Gobbo dice a Vergani di tenere la palla fino alla fine, magari guadagnandosi anche un fallo. Il giocatore inizialmente obbedisce al comando, ma improvvisamente vedendo Zucchella tagliare a canestro pensa bene di scaricargli un passaggio che gli possa permettere di realizzare il canestro sicurezza. Purtroppo quest’ ultimo non riesce a trattenere la palla che finisce in mano avversaria che avanza fino alla riga dei tre punti. Da qui il giocatore di Tumminelli scaglia il tiro della disperazione che si insacca inesorabilmente nella retina. Si compie la beffa per i nostri blu devil. Accortosi dell’errore per non aver completato l’ordine del coach, Vergani scoppia a piangere, ed e’ qui che si evince quanto sia unita la squadra, viene infatti consolato dal gruppo e abbracciato dal suo allenatore.

Tirando le somme classificarsi sesti su sedici e’ un ottimo piazzamento, il competere alla pari con squadre ben piu’ forti di quelle affrontate in campionato ha dato piu’ sicurezza e credibilita’ ai ragazzi. Resta il rammarico di aver giocato con Landriano la mattina alle 10.30 dopo che il giorno prima la gara con Alba era terminata verso le 23.30, per cui sono andati a dormire che ormai erano le 00.00 passate. Vabbe’!!!!!! Evidentemente doveva andare così!!!!!. Resta in ogni caso il ricordo di una bellissima esperienza non solo dal lato sportivo ma anche dal lato umano. Vivere assieme 3 giorni 24 ore su 24 fortifica sicuramente il gruppo. Mi auguro che questo non sia il punto di arrivo ma bensi’ l’inizio di un cambiamento che possa loro far fare un ulteriore salto di qualita’.

Riporto qui di seguito alcuni numeri del loro torneo

PARTITE GIOCATE 4
PUNTI FATTI 153
PUNTI SUBITI 144
TIRI LIBERI TOTALI 17/53
TIRI LIBERI SINGOLI Canegrati 1/4
Vergani 5/12
Merli M. 3/14
Vulpiani 4/16
Bertolotti 2/4
Rigillo 1/1
Napoletano 1/2

MARCATORI

Baciu 0
Bertolotti 4
Bindellini 0
Canegrati 17
Merli M 23
Merli S 6
Omati 6
Napoletano 5
Rigillo 5
Sirtori 6
Vergani 33
Villa 14
Vulpiani 34
Zucchella 0

+Copia link

0 Responses to “Sesti classificati a Pesaro: Nuova Argentia – Tumminelli 30 – 31”