Aquilotti 2005: Cinisello – Nuova Argentia 4 – 2 (30 – 31)

parziali 10-4,0-7,6-2,8-4,3-12,3-2

Arriva l’attesa trasferta di Cinisello, quello
che ci vuole per capire il livello tecnico e
caratteriale che ha raggiunto la nostra squadra.
Solita carovana di macchine, alle 9.30 siamo li.
Nel riscaldamento facce ancora addormentate, la
palestra è quella che è, certo dopo Pesaro siamo
vaccinati a tutto.
Primo tempo : Paolo-Betti-Pippo-Chiara
Solito quartetto sprint, ma purtroppo l’aria addormentata
era più di un’impressione. Il n.36 avversario mette in crisi
i nostri e fa subito 4-0. Il coach prova a scuoterli,
forse ci vorrebberoquattro secchiate d’acqua. Una minima reazione
c’è, ma il quartetto forte avversario non facilita, Paolo soffre
tremendamente in difesa, Betti è fuori dal gioco, Pippo non
riesce a lanciare con efficacia. Tolto il contropiede i nostri
non hanno un piano B. Finisce 12-4, non partiamo bene.
Secondo tempo : Simo-Andreino-Ricky-Alessandro
Davvero difficile anche questo tempo, non ci sono spazi, Simo
fatica a saltare il suo. Ci vuole lucidità per scardinare
il bunker avversario. Ci prova Andreino, canestro da fuori,
poi fallo sul tiro, siamo 3-0. Ora bisogna tenere e Simo è il
solito gigante, il 99 le prova tutte, ma il nostro non molla,
prende rimbalzi e lancia Andreino e Ricky in contropiede,
siamo sul 7-0 al termine della frazione.
Terzo tempo : Danilo-Lance-Matteo-Lorenzo
Le difficoltà continuano, Danilo prova il solito uno contro uno,
ma non gli riesce, perdiamo palla e prendiamo canestro 2-0.
Difficile articolare azioni, gli avversari sono sempre addosso,
molto complicati i passaggi, ogni errore è punito. Sul 4-0
arriva un canestro di Matteo, proviamo la rimonta, ma ci spiazzano
subito con un tiro da fuori. Finisce 6-2.
All’intervallo siamo sotto 2 tempi a uno. Il coach riflette e
prepara le mosse.
Quarto tempo : Danilo-Lance-Matteo-Alessandro
Rientra il campo il n.36 avversario, il coach cerca di
contenere l’impatto, Danilo prova a tenerlo, spende qualche
fallo, ma non sfigura. Andiamo sotto ma non siamo travolti, soprattutto
perchè sempre Danilo mette due tiri da 6 metri e tiene anche in
bilico la frazione che finisce 8-4. La prima parte del piano sortisce
effetto.
Quinto tempo : Simone-Ricky-Andreino-Lorenzo
Bisogna dare tutto, sale in cattedra il nostro capitano,
che pur subendo una marcatura asfissiante ha la lucidità per innestare
i compagni, lancio per Andreino, canestro, lancio per Riccardo canestro,
il punteggio cresce. Andrea passa a Simo, assist per Ricky, canestro, è
l’azione più bella della partita. Ricky è in piena trance agonistica,
ruba palla a centrocampo e va a far canestro. Andreino è una furia.
Il Cinisello è allibito, l’allenatore avversario tira urlacci ai suoi. Il 99 prova
a sfondare, ma i nostri difendono in 4 aiutandosi, Lorenzino è un leone.
Termina 12-3, la curva riprende fiato e ci prepariamo per il tempo decisivo.
Abbiamo capovolto la differenza punti, ci basterebbe vincere l’ultimo tempo.
Sesto tempo : Paolo-Betti-Chiara-Pippo
Ci proviamo. Non è facile, i nostri sembrano narcotizzati, Betti non dà segni
di vita, ci mancano i suoi canestri, raramente i nostri hanno tiri puliti,
soffrono, ma non crollano. A metà tempo si è ancora sullo 0-0. Poi arriva
un canestro e un libero del Cinisello, siamo 0-3.
Proviamo a reagire l’area del Cinisello è un bunker, difficile entrarci
ed otterere qualcosa. Un canestro di Chiara riaccende la fiammella,
mancano 50 secondi, ci proviamo fino alla fine, ma il miracolo non arriva.
Perdiamo il tempo e la partita, ma usciamo vincitori morali.

La differenza tra le squadre non c’è, il punteggio dei tempi dice 4-2, ma
il conto dei punti dice 31 a 30 per noi. Possiamo dire di essere al loro
livello, ed è motivo di orgoglio per i nostri che hanno dato tutto quello
che avevano, ricevendo i meritati applausi a fine partita.
Una partita avvincente, due squadre di categoria superiore, la nostra più
squadra, il Cinisello più forte come individualità.
Se il coach voleva certe risposte direi che le ha avute, può essere più che
soddisfatto del modo in cui i suoi hanno gestito la partita, in condizioni
ambientali difficili, non rinunciando mai al passaggio per il compagno meglio
piazzato, non tirandosi mai indietro ad aiutare un compagno in difficoltà e
non rinunciando mai ad ogni pallone a costo di andarlo a strappare dalle mani
avversarie. Davvero tanta roba, come direbbe il buon Claudio.
Ultimo appuntamento sabato prossimo a Busnago con cui si chiuderà il campionato.

Foto di Alessandro Giannini.

+Copia link

0 Responses to “Aquilotti 2005: Cinisello – Nuova Argentia 4 – 2 (30 – 31)”