Under 13 – Vittoria al Torneo di Bielmonte

Il weekend del 17-18 Ottobre ci vede Protagonisti, con la P maiuscola, del Torneo di Bielmonte. Nell’amena località a 1.500 mt di altezza tra le Alpi Piemontesi i nostri ragazzi si preparano ad affrontare tre nuove squadre: Biella, Cossato ed Aosta.

Il nostro arrivo è accolto da neve e nubi basse che, soprattutto in prossimità delle gallerie, sembrano pronte a catapultarci in un’altra dimensione. Dopo una veloce presa di possesso delle camere dell’albergo è già tempo di affrontare la prima sfida.

Ci aspetta Biella, squadra che milita nel campionato di serie A; in assenza di Carlo, bloccato a Milano, io e Stefano assistiamo al perfetto riscaldamento degli avversari e, come già accadde contro Asti in quel di Pesaro, le nostre previsioni non ci danno per nulla favoriti.

Comincia la partita; Biella si conferma squadra ben organizzata sui due lati del campo, i nostri invece cominciano facendo molta confusione e perdendo palloni con banali errori. Dopo 4 minuti siamo sotto 8 – 2. Time out inevitabile e qui i nostri hanno una prima reazione. Aumenta la pressione in difesa, recuperiamo palla e ci lanciamo in contropiede. Punti facili e continua pressione favoriscono il recupero; chiudiamo il primo avanti 13 – 12. Nel secondo si cambia registro fin da subito; costringiamo gli avversari a continue palle perse che trasformiamo in altrettanti punti. Sbagliamo ancora molto, soprattutto tiri da sotto canestro che vanificano delle belle azioni difensive e, come al solito, per noi i tiri liberi sono un optional. Il divario però aumenta fino a +14. Negli ultimi due quarti le nuove regole Under 13 danno la possibilità di effettuare cambi liberi e le nostre rotazioni funzionano meglio di Biella riuscendo così ad incrementare ulteriormente. Questo ci permette di gestire fino alla fine e chiudiamo la partita con un promettente 68 – 45 che, onestamente, non ci saremmo aspettati. Tiri liberi: 8/27, dato veramente triste, ben compensato in questa partita dall’ottimo gioco di squadra e da azioni in contropiede veramente ben finalizzate. Un dato su tutti; ben 10 giocatori con punti a referto.

Felici per la vittoria e dopo 45 minuti nello spogliatoio per la doccia (evito di descrivere le scene raccapriccianti a cui ho dovuto assistere), si torna in albergo prima di andare a cena. Cena allo Chalet con pasta, affettati, gnocco fritto, pizza e dessert…… alla faccia della dieta degli atleti !!!!!! Si tira mezzanotte ma adesso è ora di andare a nanna. E come potete ben immaginare in albergo è il delirio. Alla fine Stefano racconta la favola di Michael Jordan e tutti si addormentano (magari !!!)

Sveglia tranquilla la domenica mattina, con anche un po’ di sole che illumina con i suoi raggi le piste ancora innevate e i monti che ci circondano con magnifici riflessi di luce…. Peccato che le facce dei nostri assomigliano più a quelli di zombie appena tornati in vita che non riescono a vedere più in là del piattino della colazione.

Si va in palestra dove, dopo aver assistito alla disfatta di Aosta contro Biella, ci prepariamo ad affrontare Cossato. Nel frattempo ci raggiunge anche Carlo che dà le ultime direttive prima di entrare in campo. Purtroppo le cose non vanno come previsto. Cossato gioca un basket molto fisico e, a differenza di Biella, poco ordinato. I nostri, come spesso accade, invece di imporre il loro gioco, si fanno trasportare nella confusione e le palle perse non si contano più già dopo pochi minuti. In difesa usiamo solo le mani e commettiamo falli inutili, siamo spesso in ritardo e mandiamo i ragazzi/e di Cossato in lunetta dove, tra l’altro, sono precisissimi (chiuderanno con 16/29). Non riusciamo a tagliare fuori e ci facciamo spingere sotto canestro, concediamo tre o quattro tiri nella stessa azione e, inevitabile, alla fine subiamo canestro. Purtroppo tutti in campo aumentano la confusione e gli arbitri fanno la loro parte, ma non deve certo essere una giustificazione per il brutto gioco espresso dai nostri. I coaches in panchina cercano di spiegare cosa fare ma non vengono minimamente ascoltati e si arriva all’ultimo quarto sul 38 – 36 per gli avversari pur giocando un pessimo basket. L’inizio vede Cossato scappare ma, a 4 minuti dalla fine succede qualcosa; finalmente difendiamo !!!!!! Invece di fare falli inutili teniamo giù le chiappe e le braccia in alto costringendo il loro miglior giocatore fino a quel momento a commettere diversi errori che, puntualmente, trasformiamo in punti. A due minuti dalla fine mettiamo la testa avanti, la nostra panchina finalmente si fa sentire e incita i compagni a dare il massimo fino alla fine; succede proprio questo, non ci voltiamo più indietro e chiudiamo vittoriosi una partita dura, brutta e difficile ma che fa certamente più morale che non una larga vittoria pur con una squadra di livello superiore come è stata Biella il giorno prima. I ragazzi si lanciano in campo abbracciandosi e festeggiando. Finisce 52 – 47 e il computo dei tiri liberi è impietoso: 6/32, 26 punti lasciati sul campo!!!! Mi viene in mente un solo commento: una schifezza !!!!

I tempi sono stretti, si va a mangiare e solo il mio intervento blocca i ragazzi dal divorarsi pure il dessert visto che, dopo meno di un’ora, si deve tornare in campo contro Aosta. Per la disperazione di Stefanone (ottimo organizzatore del Torneo) ma per nostra fortuna, la partita tra Biella e Vigevano dura ben 2h e 25’ (assurdo per una Under 13); abbiamo tempo di digerire bene e iniziamo la partita.

Inutile qui dilungarsi sul racconto di un match senza storia fin dalle prime azioni. Da rimarcare comunque l’atteggiamento dei nostri, ben diverso da quello mostrato solo due ore prima, che ci porta a concludere vittoriosamente e con ampio margine la partita. 82 – 16 il finale ma ai liberi non ci smentiamo mai: 6/17. Chiudiamo il Torneo con un eloquente 20/76, praticamente con i liberi sbagliati potevamo giocare una quarta partita !!!!

Ma ora è tempo di festeggiare. I nostri ragazzi del 2003 vincono finalmente il loro primo Torneo, la coppa passa di mano in mano e i genitori presenti si accalcano per le foto di rito. La squadra festeggia unita e si porta a casa il Trofeo.

Tecnicamente abbiamo visto dei progressi e, anche solo rispetto alla settimana prima dove abbiamo lasciato andare una partita che si poteva vincere come quella contro San Giuliano, siamo riusciti a dare il massimo nei momenti di maggiore difficoltà e recuperare situazioni difficili sia contro Biella all’inizio della partita sia nella rimonta contro Cossato. Purtroppo, sembra banale ma non lo è, la scarsa percentuale ai tiri liberi ci condanna a rischiare di perdere o non riuscire a chiudere partite altrimenti senza storia, per non parlare degli innumerevoli errori sotto canestro. Ma se anche così riusciamo a vincere, e talvolta convincere, allora mi sento di rimarcare ancora una volta il grande potenziale che ha questo gruppo su cui, personalmente, non ho mai smesso di credere in tutti questi anni.

Questa volta come mai ribadisco il nostro vero grido di battaglia (non commento quello nuovo…)

1, 2, 3, INSIEME !!!!

+Copia link

0 Responses to “Under 13 – Vittoria al Torneo di Bielmonte”