Scoiattoli 2007: Maestro indicaci la via…

Sono le 17 a Gorgonzola, un po’ di foschia fa da scenario all’attesissima partita dei quarti di finale contro il Seregno, un po’ di ansia c’è ed è normale, ci si gioca l’accesso alle semifinali, gli spalti sono gremiti e i genitori sono sereni e riposati (avranno fatto la pennichella pomeridiana?)

Tutto e’ pronto per il fischio d’inizio che attendiamo come acqua nel deserto soprattutto per mettere fine alla musica assordante e distorta (da rivedere l’impianto stereo del palestrone) sulle note di Maria Salvador… Te chiedo il mio amor… Ora inizia la rivoluzione… Sulle note di questa canzone…

SI PERCHE’ LA RIVOLUZIONE ha inizio con un primo tempo tremendo con quattro nomi che fanno eco (luca la diga, il cigno di ferro, San FRANCESCO il perno, Emanule l’angioletto che non fa sconti), forse il miglior quartetto della partita ben posizionato in campo e sicuramente i migliori in difesa, applicando alla perfezione la famosa tecnica a testuggine inaugurata a inizio stagione, ma con in serbo una freccia di bronzo chiamata Marco (ieri impressionante tanto da far richiedere ai genitori avversari gli esami del sangue e antidoping a fine partita). Si perchè il nostro cigno campione anche di braccio di ferro lombardo, ha sferzato i sussulti del Seregno completamente in balia dei nostri… Aprendo breccia su breccia nella loro difesa e entrando come una lama nel burro per poi fare canestri telecomandati anche a distanza… 4 a 0 e 9 in pagella al nostro Mr muscolo (per la cronaca anche la mamma dietro di me ha continuato a porsi domande senza risposta, una su tutte.”ma mio marito giocava cosi alla sua eta’? ha preso sicuramente da me, cuore di mamma”…

Ma torniamo a noi… Secondo tempo all’insegna dell’altro fenomeno (Maestro Massimo Decimo Meridio), che con 4 centri affonda i ragazzi di Seregno con un 7 a 3 dal retrogusto un po’ amaro soprattutto per i genitori avversari rimasti ancora con le mandibole aperte anche oggi che e’ domenica). Che spettacolo vederlo (complimenti ai genitori per averci donato questo talento naturale dal canestro facile), 450 km percorsi ieri, meglio di Forrest Gump! e Matteo Molgora????? Che tecnica signori, fantastico, il ragazzo riesce a passare la palla senza toccarla, un mix fra il gioco famoso ‘specchio riflesso’ e ‘ce l’hai’, un fulmine nel far cambiare direzione con i suoi passaggi telepatici, il teletrasporto e’ il suo mestiere!!! 9 in pagella a questo giovane talento dai capelli da piccolo lord, bravo Matteo!!! Il nonno in tribuna, un guru per tutti gli appassionati di basket, ci ha raccontato la grande storia sportiva della sua famiglia, ben 4 generazioni di talenti alternati negli ultimi 100 anni, spettacolo!

Inizia il terzo tempo, palestrone sporco? no problem, il quartetto appena entrato (Samuele la torre, l’unico rimasto in piedi, Boccolo d’oro, Davidino muscolino e il figlio del vento Matteo D’Alessandro) hanno pensato bene di giocarselo da sdraiati passando piu’ tempo a rotolarsi per terra e a lustrare ogni metro quadro del rettangolo di gioco, per la gioia delle loro mamme… I 4 si alzavano in piedi solo per le contese, 89 in 6 minuti, concedendo agli avversari molteplici speranze di recupero, e incassando un incredibile 8 a 0… Grandi ragazzi, la misericordia prima di tutto!!

Nella quarta fazione di gioco, i magnifici 4 rimettono le cose a posto, fantastico Luca Cataldi su tutti le palle, un vero calcolo renale per il Seregno, tanto fiato e ottima concentrazione (sembra che il papà seduto vicino a me in tribuna gli abbia fatto un vero e proprio corso di formazione sul metodo dello scippo), 9 in pagella anche al papà… 9 a 2 signori, il quarto tempo e’ nostro… E ora?

Quinto tempo da 10 a 0!!!!!! MAESTRO INDICACI LA VIA, domandavano gli apostoli a nostro Signore e anche noi ieri te lo abbiamo chiesto, MATTEO GUIDACI ALLA VITTORIA! e non ci hai abbandonato… Meglio di una polizza assicurativa sulla vita, 10 in pagella anzi 11 per i numerosi miracoli gratuiti che ci fai!

Ormai siamo alle semifinali, ma perche’ non dare una ripulita al palestrone? Ed eccoli i nostri spazzini rientrare con gli stracci in mano, (Samuele, bella la sua prestazione anche se l’unico rimasto in piedi, faccia d’angelo una vera stigmate per gli avversari, si muove nel silenzio ma velenoso come uno scorpiocino d’acqua, e Matteo A, a lui piace volare e atterrare subito dopo), chissa’ che non apriranno un impresa di pulizie da grandi? Perche’ no?? Anche in questo ultimo tempo abbiamo assistito a ben 123 contese (neanche nel film mezzogiorno di fuoco cosi’ tanti duelli)… Ma alla fine i conti tornano… E la palestra la lasciano come una bomboniera!!

GRANDI RAGAAAAA e alla prossima!

+Copia link

0 Responses to “Scoiattoli 2007: Maestro indicaci la via…”