Under 13 da infarto: Osio Sotto – Nuova Argentia 57 – 60 DTS

…. 3 secondi alla fine, 53 – 52 a favore dei locali e rimessa loro in zona di attacco; abbiamo appena esaurito il bonus falli. La palla entra in campo e Big sacrifica il suo ultimo fallo a disposizione per mandare in lunetta l’avversario. Il primo tiro gira sul ferro ed esce; anche il secondo è sbagliato e Merli si avventa sul pallone lanciandosi in attacco per coprire il campo nel minor tempo possibile ma ….. incredibile ma vero un avversario commette fallo. Sono due liberi per noi a 1 secondo dalla fine !!!! Micky tira, 2 interminabili secondi, la palla colpisce il primo ferro, tocca il tabellone, torna sul primo ferro e come per magia viene risucchiata nel canestro; la panchina esulta, il pubblico impazzisce, io e Carlo richiamiamo tutti alla realtà, c’è ancora un libero, quello della possibile vittoria e ……

TIME – OUT !!!!

Vi piacerebbe sapere subito come è finita vero ?!?!?

Ma riavvolgiamo il nastro e torniamo indietro nel tempo.

Giovedì sera, campo di Gorgonzola. Invece del solito allenamento ci aspetta una amichevole contro le ragazze Under 14 della Castel Carugate; inutile dire lo spirito con cui i nostri si preparano ad affrontare la sfida, con gli ormoni a mille ma pronti a dare il massimo pur contro una compagine composta dal gentil sesso. La fisicità è notevole e i giocatori non si risparmiano di certo con contatti spesso al limite ma sempre corretti. Alla fine per noi un bel banco di prova che ci vede, per quanto potesse contare, vincitori contro una squadra di maggiore età e giocando con il pallone grande. Alla fine tutti contenti e mega foto di gruppo a immortalare l’evento.

Dopo questa piacevole parentesi si torna alla realtà del nostro campionato. Purtroppo una amara sorpresa ci attende il venerdì sera quando veniamo a sapere che Stefano, per una sospetta appendicite, è ricoverato in ospedale e non potrà essere dei nostri…. cercheremo di portare la sua carica nei nostri cuori a Osio !!!

E’ sabato pomeriggio, si parte per la partita. C’è anche Lucian che, non potendo giocare per problemi di tessaramento, resta comunque vicino ai compagni. Durante il riscaldamento si capisce subito che gli avversari sono di ottimo livello con alcune individualità di tutto rispetto. Per la prima volta c’è l’arbitro federale (finalmente non mi tocca fischiare ….) ma, onestamente, la cosa non sarà di grande conforto per entrambe le squadre.

Comincia il match; l’intensità è subito al massimo e gli avversari sfruttano la maggior stazza fisica per metterci letteralmente le mani addosso fin dalla rimessa; con Vulpy a mezzo servizio per i soliti problemi al ginocchio, Merli che pensa ancora alle ragazze della Castel e gli altri un po’ spaesati, prendiamo un parziale di 10 – 2. Ma non è ancora il tempo di preoccuparsi, un time out sistema le cose e con un contro parziale di 5 – 0 torniamo in partita. Purtroppo, da entrambe le parti ma un po’ più per i Reds di Osio, le sviste arbitrali ci penalizzano non poco; ci carichiamo di falli e torniamo a – 10. Si avvicina la fine del quarto e, a tre secondi dalla fine, Vulpy con il suo tiro catapulta realizza un canestro da poco oltre la metà campo. Chiudiamo 17 – 10 la prima frazione.

Il secondo quarto parte bene per noi. Grande intensità e contropiedi ci riportano a contatto ma, ancora una volta, ci fermiamo sul più bello. Completato il recupero infatti subiamo un ulteriore parziale. Risultato: si torna a – 10. I contatti sono al limite; nella stessa azione Davide e Big si ritrovano a terra dopo aver subito evidenti spinte, in attacco è quasi impossibile avvicinarsi a canestro senza esseri colpiti da qualcuno….. ma non si deve mollare e tenendo in difesa ci riportiamo un po’ sotto. Luca “Cigno Macino” è sulle ginocchia e chiede il cambio, Ale tiene per tutti i dieci minuti difendendo al massimo e dando l’esempio ai compagni, il Capitano torna in campo con un bel livido sopra il ginocchio ma ignora il dolore e prosegue la partita, Ricky gioca minuti molto intensi e Verga cerca di dare il massimo in difesa e a rimbalzo visto che oggi sembra che il canestro sia stregato.

Nello spogliatoio, durante l’intervallo, si fa capire ai ragazzi che nulla è perduto; nel basket in pochi minuti si può completamente ribaltare una situazione difficile. Con un urlo spaventoso facciamo capire agli avversari che dovranno sudarsela e si torna in campo.

L’inizio è perfetto. Difesa, contropiede, canestri; è il sorpasso !!! L’intensità è alle stelle, chi entra porta il suo piccolo mattoncino alla squadra; Big trova i classici canestri dalla “spazzatura” facendo capire che ogni pallone è fondamentale, il suo omonimo Luca Cigno mette in campo tutta la sua fisicità e spazza via letteralmente ogni avversario, Thomas non incide in attacco ma chiude bene in difesa consentendo degli ottimi recuperi, Verga e Merli tornano a fare quello che ci si aspetta da loro, il “piccolo” Marchianò (chiamato a sostituire Stefano) capisce che giocare per la squadra porta ottimi risultati e lo fa con continuità, Ale prosegue il suo sporco lavoro chiudendo la porta ai tagli in area del suo avversario, Vulpy se ne frega dei consigli dell’ortopedico e dà il massimo. Tutti sono allo stremo, gli ultimi due quarti sono un susseguirsi di mini break da entrambe le parti e continui sorpassi…..

…… e si torna a quegli ultimi interminabili secondi.

5 alla fine, 53 – 52 per loro e ci rendiamo conto che abbiamo “solo” tre falli di squadra. Il bonus è a cinque; in due secondi colmiamo i gap con Big che si sacrifica per il bene della squadra….. e torniamo a quel secondo tiro di Merli; purtroppo esce. E’ supplementare, ancora 5 minuti di autentica sofferenza, la pizza dovrà attendere !!!

I nostri sono subito intensi, ci portiamo a + 3; piccole distrazioni in difesa concedono a loro due facili canestri ma sul ribaltamento di fronte riprendiamo subito il vantaggio con un possesso pieno (un tiro da tre divide le squadre). Abbiamo per due volte l’occasione di chiudere la partita con i tiri liberi ma, si sa, è il nostro tallone d’Achille; a 22 secondi dalla fine abbiamo palla in mano e Verga, memore del passato, tiene palla ma viene ancora fermato a 11 dal termine con un fallo. Solito esito dei liberi e palla a Osio per poter nuovamente impattare a 60; i secondi passano, dagli spalti i loro tifosi invitano al tiro ma la nostra difesa chiude tutto. Parte un pallone dalle mani di un avversario ma la palla passa lontanissima dal canestro.

E’ FINITA !!!!!! VITTORIA E GRANDE CUORE MESSO IN CAMPO DAI BLUES !!!!

Il nostro pubblico è stremato e i loro cuori hanno retto a fatica le emozioni, in campo i ragazzi saltano (incredibile saltano davvero !!!!! ) impazziti dalla gioia. Si va negli spogliatoi, il pensiero va a Stefano e lo chiamiamo al telefono per renderlo partecipe della nostra gioia che deve essere anche la sua.

Noi gioiamo, urliamo, saltiamo tutti INSIEME ancora una volta !!!!

E’ ora di lasciare il campo, alcuni tornano a casa, altri si fermano per una pizza, La Nonna è con noi e non rinuncia al dessert dopo averci deliziato con le storie sui suoi casoncelli fatti in casa che avrei molta voglia di assaggiare.

E’ tardi ma l’adrenalina è ancora al massimo….

A letto ragazzi, martedì ci aspetta l’Inzago, non è tempo di fermarsi !!!

1, 2, 3, INSIEME !!!!

+Copia link

0 Responses to “Under 13 da infarto: Osio Sotto – Nuova Argentia 57 – 60 DTS”