Aquilotti 2005: Nuova Argentia – Meta2000 4 – 1 (39 – 23)

parziali : 6-2,8-8,5-0,4-5,8-4,8-4

Arriva l’attesissima gara di ritorno contro il Meta 2000, un esame di maturità per tutti. Settimana di appelli e proseliti che arrivano da più parti. Bisogna vincere in campo, ma soprattutto fuori dal campo. Tanto per cambiare piove tutto il giorno e di conseguenza anche in palestra, il problema c’è da anni, ma le istituzioni sono assenti come al solito e quindi tocca andare di ramazza, spostare la panchina e pregare che smetta di piovere. Le squadre si riscaldano con molta intensità, non è una partita come tutte le altre. All’andata vincemmo al supplementare, oggi il coach vorrebbe farne a meno. In tribuna i soliti noti con Danjel che porta una delegazione serba per osservare il figlio. Presenti Anna e Paola, seppure in versione mummificata. Ma entrano in campo le squadre.

Primo tempo : Spino-Biga-Matteo-Danilo

Si avverte un po’ di tensione e le squadre nei primi secondi si studiano, l’unico fuori dal coro è Spino, lui è già in partita e dopo 30 secondi lascia sul posto il suo marcatore e appoggia a canestro. 2-0. Si accende la partita, ma il Meta sembra intimorito e i nostri provano ad approfittarne, tuttavia si sbaglia molto e quando il coach avversario chiama timeout a metà tempo siamo appena 2-0. Alla ripresa Spino si ripete e va di nuovo a canestro. Gli avversari provano una reazione, spinti dalle urla dei loro allenatori, ma i nostri parano il colpo e li mandano solo in lunetta. Siamo 4-1 e manca poco. Spino va in lunetta e fa 2/2 (incredibile ma vero, il coach non si capacita). Poi Meta fa un punto e si chiudono le ostilità. 1-0 Argentia.

Secondo tempo : Pippo-Betti-Chiara-Lance

Inizio confuso, facciamo fatica a far girare la palla. Un tiro libero di Lance comunque sblocca la partita. Betti fa fatica e si fa infilare dal suo avversario, fallo e 2/2 dalla lunetta. 2-1 per loro. Chiara cerca con insistenza il varco, gira un po’ intorno al suo avversario, lo supera e vola a canestro. 3-2. Battaglia senza quartiere sotto il nostro canestro, i nostri tengono, ma è dura. I rimbalzi sono tutti per gli ospiti, che ne trasformano uno in canestro, 4-3. Chiara fa il play, pesca Betti che infila da sotto, 5-4. La frazione è combattuta, si va avanti punto a punto, ci pensa Pippo da sotto a staccare il primo vantaggio significativo, ma Betti si fa infilare nuovamente, 7-6. Pippo deve fare fallo e il Meta mette un libero, 7-7. Un libero di Betti ci riporta avanti, ma il Meta risponde subito, 8-8. Ultimo minuto da cardiopalma ma nessuna delle due squadre trova il guizzo vincente e finisce in parità.

Terzo tempo : Paolo-Luca-Ale-Ricky

Inizio equilibrato le squadre continuano a darsi battaglia, nei primi due minuti prevalgono le difese, un tiro libero di Luca sblocca la partita. 1-0. Continuano gli errori da una parte e dall’altra, siamo a metà tempo e nulla succede, poi arriva un guizzo di Paolino e ci portiamo sul 3-0. Mancano due minuti e acquistiamo convinzione, Ale si infila in un corridoio e tira : canestro + fallo. 5-0 e avversari al tappeto. Ora difendiamo come matti e gli avversari spadellano da lontano. Siamo in controllo e portiamo a casa questa frazione. All’intervallo siamo 2-0 a un passo dalla vittoria.

Quarto tempo : Spino-Biga-Matteo-Danilo

Al rientro dagli spogliatoi entrambi i coach confermano gli schieramenti del primo tempo. E’ il primo match-point. I nostri però sembrano intontiti, prima sbagliano da sotto e poi si fanno infilare centralmente, il Meta va 2-0 e poi incrementa dalla lunetta. 3-0. Biga ha le polveri bagnate, fallisce due facili tiri da sotto e sul contropiede avversario prendiamo canestro, incredibilmente siamo sotto 5-0. Il Meta ora va forte. Il coach urla che è ancora lunga. Spino prende fallo e mette un altro 2/2 dalla lunetta. Si riaccendono le speranze, 5-2 per gli ospiti. Continuiamo però a pasticciare, Biga è giù e Danilo è fuori dal gioco. Una gran penetrazione di Matteo ci riporta sotto. 5-4. I nostri ci credono anche se manca poco. Danilo sbaglia da sotto, a pochi secondi dalla fine il tiro di Biga resta sul ferro e il Meta porta a casa il tempo.

Quinto tempo : Pippo-Betti-Chiara-Lance

Ora il quadro psicologico può cambiare. Il coach conferma il secondo quartetto. Partenza equilibrata e combattuta, si fatica a segnare da una parte e dall’altra. Dopo due minuti siamo ancora 0-0, ma ci pensa Chiara a sbloccare la partita alla sua maniera. 2-0. Pippo raccoglie un pallone dalla spazzatura e infila il canestro. 4-0. Siamo col vento in poppa. Il Meta si riavvicina. 4-2. Grande percussione di Lance, canestro e fallo subito. 6-2. Sembra che i nostri ora si siano sbloccati. Sull’onda dell’entusiasmo Chiara lascia sul posto il suo avversario e deposita l’8-2. Mancano due minuti e i coach avversari sembrano rassegnati, ma arriva un canestro che riaccende le speranze ospiti. 8-4. E’ ancora lunga. Gli avversari pressano, i nostri soffrono ma tengono duro fino alla fine e il suono della sirena sa di vittoria. La curva può esultare.

Sesto tempo : Ale-Ricky-Paolo-Luca

Le squadre continuano a giocare con intensità, come è giusto che sia. Primi due minuti in equilibrio, che viene rotto da Paolo. 2-0. Pareggio immediato del Meta, poi Paolo dalla lunetta. 3-2. E’ lotta su tutti i palloni e Ricky giganteggia. Luca fa 2/2 dalla lunetta. 5-2. E’ il suo momento, altri 3 punti e ci porta sull’8-2. Poi canestro ospite che chiude la partita.

Obiettivo raggiunto. Vittoria in campo e fuori. Esemplare il comportamento della nostra curva, caloroso e genuino il tifo. E’ una vittoria di spessore contro avversari ostici, fisici e molto determinati. I nostri hanno giocato con grande lucidità, hanno commesso qualche errore, hanno sofferto e hanno faticato, ma hanno tenuto sempre in mano il pallino del gioco. E’ una vittoria che ci consegna virtualmente la prima piazza nel girone, 10 partite e altrettante vittorie, difficile fare di più. Prova di maturità superata a pieni voti e ancora una volta va elogiato il nostro lungo roster che ci permette di schierare quartetti sempre competitivi. Si replica domani a Bernareggio.

Gaetano Spinelli.

Foto di Dexter Malabanan.

+Copia link

0 Responses to “Aquilotti 2005: Nuova Argentia – Meta2000 4 – 1 (39 – 23)”