Aquilotti 2005: Robbiate – Nuova Argentia 2 – 3 (36 – 38)

parziali : 2-8,4-8,7-2,5-5,10-2,8-13

Dopo la vittoriosa partita col Vigevano va in scena unrecupero di campionato a Robbiate, potremmo chiamarlo un posticipo, per usare un termine calcistico. Orario infame, si gioca alle 18. Ma non ci si sottrae alla ragion di stato, per cui la macchina organizzativa si mette in moto. C’è chi prende permessi dal lavoro (il sottoscritto sicuramente) per stare vicino alla squadra. Appuntamento alle 17 al palestrone, i bambini escono praticamente da scuola, una breve merenda e si parte alla volta di Robbiate. Orario di punta e tanto traffico, non si arriva mai. Arriviamo in leggero ritardo nell’angustapalestra di Robbiate, dimensioni minime e canestri avanzati rispetto alla linea di fondo, senza contare che sembra una pista di pattinaggio. Alle 18 siamo ancora in 9. Mancano all’appello Danilo, Luca e Lance. Ma dove saranno ? Arriva una foto sulla chat Aquilotti 2005 (la potete vedere allegata all’articolo) con un commento “Si è incastrato”. Sembra che il furgone di Daniel abbia avuto qualche problema, facciamo fatica a capire….si susseguono le telefonate, chiama anche Valentina e chiede spiegazioni…poi dopo 10 minuti arrivano trafelati e dopo un breve riscaldamento finalmente si può cominciare.

Primo tempo : Pippo-Betti-Chiara-Lance

I nostri impattano bene la partita e sorprendono la squadra locale con un paio di percussioni vincenti di Chiara che portano il risultato già sul 4-0 dopo un minuto. Lareazione ospite non si fa attendere. 4-2. Gli spazi sono angusti e si fa fatica a fare gioco. Siamo un po’ imprecisi, ma controlliamo bene in difesa. Betti vola in contropiede a depositareil canestro del 6-2. Difendiamo duro costringendo gli avversari a tiri molto difficili. Costruiamo azioni con pazienza muovendo bene il pallone. Da una di queste Pippo prende due liberi che trasforma da consumato cecchino. 8-2. Non succede altro e il lunedi comincia bene.

Secondo tempo : Spino-Matteo-Marty-Luca

Anche i quattro in campo impattano bene la partita. Arriva subito un bel canestro di Spino, subito pareggiato dagli avversari. 2-2 dopoun minuto. Ma il tiro di Matteo non perdonae andiamo di nuovo in vantaggio. Gli avversari sono potenti, i nostri faticano, ma Spino al solito è un muro. Proviamo ad allungare ma siamo imprecisi, poi Spino trova il corridoio giusto e infila un canestro alla sua maniera. 6-2. La partita diventa spigolosa. Aumentano i tiri liberi. Spino e Luca mettono dentro quelli dell’allungo definitivo che ci consegna anche la seconda frazione. Siamo col vento in poppa.

Terzo tempo : Danilo-Biga-Leo-Mattia

Dopo lo show di ieri torna in campo Danilo. Suo padre Danjel dice “Tutto dipende dal primo tiro”. Il primo tiro di Danilo va sul ferro, brutti presagi. Gli avversari vanno subito in vantaggio, ma Biga ci riporta in parità. La frazione è molto equilibrata con imprecisioni da entrambi le parti. Un libero avversario regala il 3-2. Proviamo a reagire ma gli errori sono troppi, Danilo porta palla in maniera sterile e non riesce a servire i compagni e non ne mette uno dentro. Intanto gli avversari prendono campo e infilano i canestri dell’allungo. Perdiamo 7-2 e la partita si riapre.

Andiamo all’intervallo sul 2-1 senza aver brillato. La vittoria ce la dobbiamo sudare.

Quarto tempo : Pippo-Betti-Chiara-Spino

Quartetto inedito, tutti stupiti e dubbiosi in tribuna..anche il coach avversario schiera un quartetto forte. In effetti è un tempo importante. Vedremo. Spino parte come una furia e realizza subito il primo canestro. 2-0. Il Robbiate accorcia dalla lunetta. La partita si fa spigolosa, è lotta furibonda sotto i tabelloni. Pippo mette dentro altri due liberi e andiamo sul 4-1, ma ilRobbiate si riavvicina pericolosamente. 4-3. La frazione è palpitante. Le difese prevalgono sugli attacchi. Altro libero di Pippo ed è 5-3. Tiro della domenica per gliavversari e andiamo sul 5-5. Manca un minuto e abbiamopalla in mano, Betti porta palla cercando uno spazio che non c’è e allora prova da lontano ma senza fortuna. Non riusciamo a costruire nulla nei secondi che restano e terminiamo la frazione in parità. Qualche attimo di scoramento in tribuna. La partita ci sfugge di mano.

Quinto tempo : Danilo-Lance-Matteo-Marty

Il Robbiate aumenta i giri del motore, sentendo aria di rimonta. I nostri vanno subito sotto 0-4. Danilo prova a risolvere da solo, ma i suoi sterili palleggi generano tiri imprecisi, oggi l’interruttore è spento. Anche gli altri si adeguano al tran-tren e non mostrano reazione. Ci prova la Marty a cui il coraggio certo non manca, ma non possiamo chiederle miracoli. Uncanestro di Matteo ci regala qualche illusione, ma arriva l’allungo avversario che chiude la frazione sul 10-2. Due tempi a testa, ma soprattutto siamo indietro nel conteggio totale e si rimanda tutto all’ultima frazione che dobbiamo per forzavincere.

Sesto tempo : Biga-Luca-Leo-Mattia

Siamo un po’ pessimisti, ma i ragazzi vanno incoraggiati. Prendiamo subito canestro, ma Luca ci riporta in paritàdalla media distanza. 2-2. Una distrazione difensiva ci riporta sotto, ma due liberi di Leo ericonquistiamo la parità. Grande tensione incampo e le squadre ne risentono. Uno a cui sicuramente non manca il coraggio è Biga. In 30 secondi mette a segno un parziale di 4-0 che manda in visibilio la curva e soprattutto ci porta sull’8-4. Ma non è finita. Rispostaavversaria e punteggio sull’8-6, mancano due minuti. Grande lavoro difensivo di Leo sul più pericoloso degli avversari. Difendiamo con i denti i due punti di vantaggio, che diventano 4 con un gran tiro da lontano di Luca. Marcella sugli spalti è incontenibile. 10-6. Botta e risposta eandiamo sul 12-8, manca un minuto. Dagli spalti si invita a guardare il tempo. Arriva il momento di Mattia, si fa trovare pronto, prende un fallo e mette dentro il libero della sicurezza. 13-8. Sterili i tentativi avversari, negli ultimi 20 secondi Biga nasconde il pallone e il suono della sirena mette fine alle nostre sofferenza, ora possiamo dire “Vittoria” come scrive Ezio sullachat.

I nostri terminano la partita stremati, nonhanno neanche la forza di esultare, mentre noi spettatori, andata via la tensione, siamo felici come delle Pasque e saltiamo come grilli.

Altra impresa della nostra squadra che espugna Robbiate, dove qualche squadrone ci aveva rimesso le penne. Gran prova di carattere dei nostri, più forti di tutto e mai disposti a mollare nulla anche quando le cose si mettono male. Ancora una volta rimarchiamo laforza del gruppo. Cambiano i protagonisti di giornata, ma questa splendida alternanza ci consente di mantenere una grande continuità di gioco e di risultati. Oggi non era facile, tante le insidie nascoste in questa partita. Il coach incassa l’ennesimo foglio rosa, visibile la sua soddisfazione a fine partita. Infine un omaggio al presidente, patron Bigatti, che ha seguito la squadra in questa ostica trasferta, con una presenza degna del migliore ultras, dovevate vederlo come urlava incoraggiando i nostri, direi che oggi una maglietta rossa con la scritta “Fieri Guerrieri” sarebbe calzata a pennello per lui.

Foto di Dexter Malabanan.

+Copia link

0 Responses to “Aquilotti 2005: Robbiate – Nuova Argentia 2 – 3 (36 – 38)”