La giornata del Jamboree

Quest’anno dopo i grandi risultati ottenuti nel campionato ci siamo guadagnati l’accesso alla giornata finale del Jamboree a Settimo Milanese. E’ una manifestazione che si svolge nel grande parco di Settimo Milanese, dove si incontrano le vincitrici dei gironi del campionato competitivo. La giornata comincia molto presto, raduno ore 7,45 al palestrone. Alla fine aderiamo in 13, un buon numero tutto sommato. Arriviamo intorno alle 8.30 e entriamo subito nel delirio parcheggi. Va male solo a Max e a Marcella che parcheggiano quasi a Gorgonzola. Tante le persone presenti, l’atmosfera è suggestiva. Ci viene riservata l’unica palestra al coperto, il che non è un male. Per la categoria Aquilotti 2005 alla fine sono 5 le squadre presenti : Argentia, Armani, Monza, Desio e Meta 2000, si incontrano tutte tra di loro. La giornata è calda, ma ventilata per cui non si soffre troppo il caldo.

I nostri cominciano la prima partita intorno alle 10 contro Armani. La squadra non ha bisogno di presentazioni, il roster è impressionante. La partita è a senso unico, come previsto, i nostri rendono 10-15 centimetri agli avversari e sotto i tabelloni non c’è storia, ma qualcosa di buono fanno vedere. Il punteggio non è mai in discussione, gli avversari ruotano i quartetti e mantengono sempre la stessa intensità. Finisce 43-19. Purtroppo Ale si infortuna alla caviglia e deve fermarsi, non riuscirà più a riprendere, ma stoicamente resterà accanto alla squadra fino alla fine della manifestazione.

Mentre aleggia già il profumo di salamella alle 11.30 giochiamo contro Monza, squadra nota per averla affrontata nel girone. L’inizio è buono con i nostri che riescono tener botta molto bene contro i più fisici avversari. Il primo tempofinisce 15-12 per noi. Ma nel secondo tempo perdiamo le redini della partita, subiamo un parziale che compromette la gara. Tardivo il risveglio dei nostri negli ultimi minuti. Finisce 31-23 per il Monza.

Dopo un breve intervallo per un veloce pranzo si riprende contro Desio alle 13.30. A Spinelli e Giannini tocca anche fare il tavolo. Sfida suggestiva, i nostri appaiono stimolati e si battono su ogni pallone. Anche in questo caso però la fisicità degli avversari ha il suo peso e ancora una volta sotto i tabelloni siamo sovrastati, il primo tempo finisce 19-12. A questo punto si prevede un nostro crollo che però non avviene in quanto i nostri tirano fuori la grinta e giocano alla pari con i più quotati avversari. Finisce 33-24 per gli avversari, ma tanto di cappello ai nostri.

Ultima gara della giornata contro Meta 2000. Le energie sono al lumicino. I nostri provano a vincerla. E’ una partita spigolosa, punto a punto. Nel primo tempo siamo in vantaggio 12 a 11. Nella ripresa continua il punto a punto. Gli avversari ci fermano con ogni mezzo e non essendoci il conteggio dei falli ricorrono al fallo sistematico per impedire ai nostri di fare canestro. Falli non cattivi, ma duri. Il nostro torto è che sbagliamo una marea di tiri liberi e questo ci costa la partita che finisce 24 a 21 per gli avversari.

Alle fine sui gradoni dell’anfiteatro ha luogo la premiazione. Non c’è nessuna classifica e tutte le squadre vengono premiate, finisce così una lunga, ma bella giornata di sport. I nostri portano a casa un gadget.

Complessivamente fila tutto liscio, a parte l’infortunio ad Ale (speriamo nulla di grave). Difficile dare un giudizio tecnico in questo genere di manifestazione. In questo momento la nostra squadra è un po’ appannata, da una parte risente della stanchezza di una stagione lunga ed estenuante, dall’altra è impegnata nel lavoro di assimilazione dei canestri alti per la prossima stagione. Nulla di preoccupante, può starci di perdere qualche partita contro squadre comunque forti e molto fisiche, dove se non sei al massimo della forma inevitabilmente perdi.

Sabato prossimo appuntamento al torneo di Terno d’Isola, ultima tappa prima di Sansepolcro. La speranza è di avere un colpo di coda per aggiungere ulteriori tasselli ad una stagione già molto positiva.

Foto di Alessandro Giannini.

+Copia link

0 Responses to “La giornata del Jamboree”