Pensieri alla rinfusa dalla Toscana

Dirsi tutto, dirsi di tutto… Ma tutto col sorriso. Non so che c’entri ma mi piaceva come frase d’apertura di questa esperienza “top” vissuta in Toscana in questi giorni. Mi ero ripromesso di non scrivere per non ammorbare ma, nelle due ore inchiodato in coda a Parma ieri sera, hanno cominciato a fluire pensieri che non riesco ad imprigionare. Esperienza molto diversa da quella di Pesaro lo scorso anno… Là vivemmo una cavalcata sportiva ed emozionale respirando ininterrottamente basket fino all’ apoteosi della premiazione al mitico PalaScavolini. Quest’ anno in Toscana il basket è stato il pretesto per vivere in comunità compiacendosi di paesaggi incantati fra arte, cultura e ….ottima tavola ! Arezzo, Citerna, Monterchi, Anghiari, Città di Castello e Sansepolcro… Un tour da far invidia anche alla più esperta guida turistica locale. Il clima goliardico da “gita di fine anno” ha contagiato le nostre serate al Podere Violino, mangiate pantagrueliche tra pasta fatta in casa, grigliata di carne chianina e poderoso vino rosso ed ora al rientro le bilance tremano ! Euforico il clima fra i fratelli e sorelle al seguito… Una vera gruppazza di tutte le età inseparabile fin dal primo istante.

Ed ora il momento delle premiazioni e ringraziamenti : alla nostra leggendaria squadra Aquilotti 2005 che dopo un’annata esaltante ha onorato un torneo di alto livello (ovviamente lascio la parte tecnico sportiva alla sapiente penna di Gaetano); allo staff societario composto da Stefano (grande idea la proposta di questo torneo), Ale e soprattutto Oriana che ha mitigato con la sua dolcezza i due bruti prima nominati. Premio speciale a Giorgio per l’ incursione notturna molto apprezzata dai ragazzi. A tutti noi genitori per la compagnia e la grande convivialità e in particolare Premio “guida alpina” al Kolonnello Somazzi capace di indicare la retta via in tutte nelle situazioni anche quando si ostina a cercare il ristorante stellato a Sansepolcro in una domenica in cui anche i kebabbari sono andati al mare (ndr. ripiegato sul supermercato Pam grazie all’ arguzia da massaie di Laura e Manu ) oppure decide di evitare il traffico autostradale preferendo la circonvallazione di Firenze dove troviamo più macchine che manco a Pechino all’ ora di punta. E infine Premio “senzabasketnonsipuo’stare” alla famiglia Spinelli capace di fare 2500 km.da nord a sud a/r che manco il più instancabile dei camionisti. E infine una domanda che mi ha tenuto sveglio al volante nell’ odissea del ritorno…come farà il Maurino senza il suo pigiamino rosa a fiori dimenticato al Podere Violino?

Con affetto e stima immutata, Ezio

+Copia link

0 Responses to “Pensieri alla rinfusa dalla Toscana”