Aquilotti 2007: La mano del coach si vede anche in Brianza!

Ebbene si, oggi sabato 22 ottobre i nostri aquilotti continuano a scrivere la storia e il calendario sportivo ci porta a Lesmo, località’ in Brianza molto importante soprattutto perché’ confinante con la famosa Arcore, cittadina scelta dal nostro ex presidente del consiglio ed ex presidente del Milan Silvio… a cui piaceva più’ il calcio del basket ma questa e’ un altra storia. 

Abbiamo di fronte le furie rosse del Lesmo ma i nostri rapaci sono belli carichi e soprattutto svegli anche perché’ con il nostro nuovo coach Ferri e’ impossibile addormentarsi e questo vale anche per noi spettatori sugli spalti (personalmente ho trovato uno che parla più’ di me ma con una grinta e una passione che non e’ seconda a nessuno), creando un’attenzione alla partita che e’ quasi affascinante! Noi genitori infatti ci sentiamo caricati a molla quando parla ai ragazzi e non possiamo fare altro che ascoltare i suoi preziosi consigli. 

Si parte, entrano Muscolino, il Puma, Maestro e S.Luca Cataldi detto occhi di ghiaccio per la sua freddezza e per il suo grande spirito di sacrificio (ecco perché’ è stato nominato santo l’anno scorso) nel difendere la propria retroguardia. Il ritmo di gioco assomiglia alla famosa canzone ‘Paradise city’ dei Guns ‘N Roses con un Maestro che macina chilometri giocando a due mani e a tre piedi, dribblando tutto e tutti, passando la sfera coi tempi perfetti andando a canestro ben 4 volte compresi 2 tiri liberi e meritando ancora una volta il premio ‘cestista SKY’. Molto bene anche il Puma a segno con 4 punti e Muscolino si iscrive a referto piazzando con precisione e con il minimo della forza che un bambino di 9 anni ci può’ mettere nel lanciare una palla da basket lento ma infallibile come sempre, cecchino! Cronometrati ben 7 secondi la durata del lancio del tiro libero fino al punto convalidato! Si chiude 10 a 0! 

Passiamo alla seconda frazione di gioco. Entrano il cigno, la molla , nick mano fredda, e la torre Bulldozer Fabio, sembra tutto facile ma qualcosa s’inceppa, gli avversari tengono botta e vanno a segno ben due volte, ed e’ qui che Marcus non ci sta e di prepotenza la mette dentro ben 2 volte aggiungendo poi un tiro libero che ci porta 5 a 4 al punteggio finale: grande coraggio e determinazione fanno di questo aquilotto un marchio di qualità’, gladiatore! Il ragazzo oggi non era al massimo, sembra indigestione, cosa avra’ mangiato? cosa papa’ Oldani gli avrà’ mai fatto ingerire a pranzo? perché’ non gli da una birretta per aiutarlo nella digestione? a voi le conclusioni amici lettori…cio’ non toglie che a causa del ritardo papa’ Antonio offrirà’ aperitivo al Seven ai genitori presenti agli allenamenti!

Terzo tempo, ATTENZIONE! qui ne vediamo delle belle, entrano spillo, conan, postal market (Tommy da quest’anno si chiamerà’ così, e’ il modello dell’Argentia) e UDITE UDITE IL NUOVO ARRIVATO SAMUELE DETTO SAETTA MCQUEEN. Un quartetto tutto da gustare e da rivedere al replay. Anche il coach, secondo me, si sara’ domandato ‘chissà’ come va a finire? oppure ‘avrò’ azzardato troppo’? e infatti succede di tutto con rimbalzi, rimpalli su piedi, tibie, scapole, con tutte le ossicine degli aquilotti che vengono prese di mira e solo la velocità’ di Saetta (ha raggiunto i 145 km/h in accelerazione in uscita da una mischia creata da Conan per creare scompiglio) da la svolta alla battaglia. Finisce 14 a 0 con Postal Market ancora pettinato e asciutto e Spillo che con il suo stile dentistico (recupera palloni agli avversari senza anestesia) piazza due bei canestri (ma lui si sa nel dubbio non fa prigionieri) mentre Manuel detto Conan spazza via gli avversari solo col suo palleggio distruttivo… I magnifici 4! E che dire di Saetta? ha solo un problema, non frena, e’ talmente veloce che sulla  pista di Linate prenderebbe il volo (ryanair cooosa?). Sotto canestro avversario arriva prima di tutti e neanche lui sa come fermarsi andando spesso a sbattere contro il materasso blu a bordo campo usato per il salto in alto! 9 in pagella per lui!!! 

I tempi finali confermano il gran lavoro svolto dal gruppo in queste prime settimane, e la partita termina con 6 tempi vinti su 6 dai nostri piccoli rapaci. 

Non posso che chiudere con lei: la mamma Maestroni!!! Anche oggi dispendia consigli utili al grande Maestro del tipo: sul tiro libero: MATTE RESPIRA! ma perché’?? e’ un tiro sottovuoto? tra il secondo e terzo tempo……MATTE VUOI UNA GOLEADOR? ma perché’? come fa a mangiarla se non respira! Il nostro maestro sorride, guarda la mamma negli occhi e pensa….mamma che ansia!!! Ci manca solo che mi fa giocare con la felpa e i moon boot… Mitica Sarah e avanti cosi!

Vittoria 6-0 (46 a 11), Daje Argentia!

+Copia link

0 Responses to “Aquilotti 2007: La mano del coach si vede anche in Brianza!”