Aquilotti 2007: Semifinali arriviamo!

I quarti arrivano in modo impetuoso in questo umido e nebbioso sabato 11 novembre. 

La sfida e’ programmata per le 16.30 contro una delle migliori società’ lombarde, il Seregno Basket, squadra organizzatissima e ben attrezzata che si presenta all’Argentia Palace con ben 3 allenatori (almeno questo e’ il numero contata da papà Miele). Si intuisce subito che la sfida non sara’ facile, il coach Gunny sente un po’ di tensione e si attacca alla bottiglia d’acqua come non mai, palato secco per lui, il suo conta passi segna ben 56 km ancora prima di iniziare, ma ci sta, ci giochiamo la semifinale e non si deve sbagliare. 

Primo set (come direbbe papa’ Cataldi), entrano Maestro, il Risolutore, Muscolino e Torre Buldozzer Fabio, quartetto ben studiato dal coach che vuole partire subito col turbo inserito, anche il Seregno non scherza e cala subito un poker con ben due torri gemelle alte più di mia moglie (1,60 cm l’ultima misurazione a oggi) e altri due elementi molto veloci. Muscolino e’ carico e con la sua bella faccia da schiaffi (da chi avrà preso ditelo voi) mette a segno il primo punto con il suo solito tiro fioco ma dotato di GPS, siamo partiti bene direi, a seguire arriva anche il canestro di Federico, il risolutore, con scarpette anti-umidità e la folla impazzisce, una partenza cosi e’ da Formula 1 (Vettel guarda e impara). Il maestro con il suo stile da grande leader aiuta i compagni e con il sacrificio di Fabione (il nostro rapace gioca con un tutore all’ala sinistra) va a segno ben 2 volte , uno con lacrima a causa di una botta e l’altro senza ma il Seregno non molla e negli ultimi due minuti recupera piazzando ben 4 punti e portando il punteggio sul 10 a 9…finale da brivido!!!! Ma resistiamo, 1 a 0 nei tempi.

Secondo tempo, Puma, il Cigno, Spillo e Luca occhi di ghiaccio danno vita a uno dei tempi più belli della partita, un quartetto affiatato e spavaldo che sa esattamente cosa fare, papa’ Cataldi e’ estasiato e non crede ai suoi bellissimi occhi blu, oggi non deve dare nessun consiglio inutile al suo bel rapace perché Luca corre , copre e segna ben 3 punti (uno su tiro libero). Il cigno oggi in veste kamikaze si lancia nelle difese avversarie come una catapulta, attaccante vero, granitico, duro come un tubo di ferro da 4′ zincato (si vede che lavoro nel mondo idraulico) non ha pietà e va a segno ben due volte, assistito da un Puma silenzioso ma letale che conclude l’opera, finisce 11 a 2,superbi! 

I rapaci prendono quota ma non si accontentano, terzo tempo di sangue con protagonisti Conan, McQueen,  Cobra e Molla d’acciaio…vi chiederete perché ‘di sangue?’ e la risposta sta tutta nell’occhio nero del povero Conan che si scontra con un suo compagno , e tiene col fiato sospeso tutto lo stadio, o almeno tutti tranne uno, il papa’ Alessandro che non solo non si alza ma ridendo dice in un dialetto tutto suo ‘IAMMME IA ALZATE CHE NUN TI SIFFAT NU C…..’ (completate voi signori)… ma come??? come puoi dire ciò caro papà? mamma Sarah era già a bordo campo col defibrillatore, mamma Valeri invece si commuove pensando a quel rapace che si e’ abbattuto da solo, mamma Cataldi aveva già chiamato la protezione civile, cuore di mamme immenso, e tu ridi?? Grandeeeee papà Miele, hai tutta la nostra stima!!….ebbene signori dopo più di duemila anni assistiamo a un miracolo in panchina….IL NOSTRO AMATO coach Gunny Ale fissa il ragazzo dicendogli ‘guardami’, si bagna le dita con la saliva mista ad acqua e le spalma sugli occhi del mal capitato, ebbene si, MANUEL CI VEDE!!!! LA FOLLA urla al miracolo!! solo un ‘Altro c’era riuscito ben 2017 anni fa!, Questo e’ sicuramente il tempo di Manuel che con un occhio solo (stile Polifemo) combatte senza sosta e mette a segno ben 3 canestri, si avete capito bene, il rapace ha recuperato palle in difesa a ripetizione e vince questa fazione di gioco aiutato solo dai suoi sensori naturali di Aquila, 10 per lui in pagella e uomo Sky indiscusso, 8 a 5 per noi e nonostante il buon gioco del Seregno passiamo ancora. 

Quarto tempo, entrano Maestro, torre Fabio, Risolutore Fede e il Puma, segnano tutti ma sicuramente l’applauso più emozionante va al nostro Buldozzer che lascia a due minuti dalla fine il campo a causa del forte dolore al ginocchio, il rapace non ce la fa ma ha un cuore immenso, ha dato tutto e segnato, guai chi gli tocca i suoi amici rapaci!!! 10 per lui, e per il suo vero amore di aquilotto, unico nel suo genere, ricorda molto un eroe del famosissimo cartone animato degli anni 80 (Fudo della montagna in ‘Ken Shiro), 14 a 4 per noi e match in ghiaccio. 

Si va al quinto tempo. entrano Muscolino, Marcus, il Puma e Conan, 10 a 3 il punteggio al suono della sirena, vinto anche questo con grinta e volonta’: da segnalare i 5 falli del numero 33 (Davidino faccia da monello) che al momento dell’espulsione ride, ride e ride facendo inviperire il padre in tribuna…che lo aspetta al varco a casa!!!!

Sesto e ultimo tempo, McQueen vola, segna e commuove mamma Monia che presa da un momento di dolcezza sussurra queste parole ‘SAM!! MAMMA TE LE COMPRA LO STESSO LE FIGURINE ANCHE SE NON SEGNI! ma lui con faccia rilassata strizza l’occhio e piazza due tiri liberi, ogni promessa e’ debito e quindi porta a tre il malloppo dei pacchetti vinti (mamma Monia mai fare promesse con un figlio cosi veloce!). 

Fischio finale Argentia – Seregno 16 – 8 (56 -30) e la semifinale ci aspetta!

PS: Chiunque abbia problemi di vista passi dal Ferri, riceve dopo gli allenamenti, basta un suo tocco e la cataratta scompare! Ciaooo

+Copia link

0 Responses to “Aquilotti 2007: Semifinali arriviamo!”