Under 13: Argentia – Meda 54-43 (7-10,27-26,36-35)

Testini 4, Malabanan 1, Ilic 16, Galbiati, Spinelli 12, Giannini, Somazzi 2, Bertolotti 5, Marletta 7, Bertini 2, Rossetti 4

Sesta di campionato, arriva il Meda, partita difficile, coach Di Maria non c’è e in panchina con Roberto, c’è Ale Ferri, un uomo per tutte le stagioni. Rosa ridotta quasi all’osso, paghiamo qualche indisponibilità e una inopportuna programmazione che ci priva di qualche elemento.

Partiamo con Spino,Nico,Pippo,Ale e Ricky. Andiamo subito sul 3-0 e difendiamo bene costringendo il Meda a tiri difficili. Pippo si fa male ed entra Leo. Ma prendiamo un parziale di 6-0 e dobbiamo inseguire. Tanti gli errori sotto il canestro, fiammata dei nostri e andiamo 7-6, ma negli ultimi 2 minuti ci distraiamo e chiudiamo indietro 7-10 la prima frazione.

Nel secondo quarto giocano Davide,Danilo,Matteo,Lance e Fede. La partita pende dalla parte del Meda che appare più in palla, noi siamo prigionieri delle nostre incertezze. In 5 minuti solo un canestro di Matteo e tanti errori il Meda si porta avanti 15-9 e per fortuna sbagliano tanto dalla lunetta. Una vampata di Fede ci riporta a -3, ma arriva un tremendo controparziale e tocchiamo il massimo svantaggio sul 12-19. E’ ancora lunga ma c’è già scoramento, i coach spingono a non mollare. Lance arriva in breve tempo a 4 falli, ma non abbiamo cambi. Si accende Danilo che mette dentro una bomba, poi va a rubare palla sulla rimessa e fa canestro + fallo, in pochi secondi ci ritroviamo a -1. L’episodio sembra dare una scossa alla squadra che comincia a reagire. E’ sempre il talento serbo che sigla il sorpasso sul filo della sirena. A metà temp siamo 27-26.

Nell’intervallo si va negli spogliatoi a riordinare le idee e nello stesso tempo cerchiamo di rasserenare gli animi fuori e dentro il campo.

Si riprende e le squadre sembrano aver perso la via del canestro, per ben 4 minuti si resta bloccati sul punteggio di partenza. Tanti i contatti e le infrazioni fischiate. Ruvida la lotta sotto i tabelloni dove Ricky e Fede giganteggiano. Poi la sfida diventa un appassionante punto a punto con errori clamorosi da una parte e dall’altra. Un canestro verso la fine di Ale ci consente di chiudere la terza frazione con la testa avanti..36-35.

Coach Di Maria chiede insistentemente aggiornamenti via wapp, non sta più nella pelle, con la partita in bilico.

Inizia l’ultimo quarto, ancora tutto da decidere. Tensione e stanchezza sembrano prevalere, si fa fatica a tirare. Entra in partita Spino, penetrazione con canestro e fallo subito, 39-35. Dopo un libero di Lance è ancora Spino a fare canestro. 42-35, il Meda ha perso la via del canestro, ma non riusciamo a sferrare il colpo del ko. Mancano 4 minuti, prendiamo un canestro con fallo subito e gli avversari si rifanno sotto 42-38. La tensione aumenta, il punteggio è basso ma il vantaggio non è rassicurante, ma arriva una bomba provvidenziale di Spino che ci porta a +7, poi si accende nuovamente Danilo, palla rubata con canestro e poi altro siluro da 3, 50-38. Mancano 2 minuti ma ormai siamo in controllo e Pippo si concede un piazzato da 6 metri. 54-38, incredibile ma vero, tutto in due minuti. La partita si chiude sul 54-43.

Alla fine portiamo a casa anche questa e la corsa continua, ma quanta fatica! Avevo detto che le partite diventavano difficili e in effetti il Meda, come il Bresso la settimana scorsa, si è rivelato un avversario complicato che per 36 minuti ci ha tenuto sotto scacco. Non è stata la miglior partita dei nostri, tanti gli errori dovuti alla solita frenesia, tanti i passaggi e i tiri sbagliati e ancora una volta questa brutta abitudine di tenere la testa bassa e non guardare i compagni cercando di risolverla da soli.

Molto bravi i due coach a non perdere mai la calma, la gestione della partita è stata impeccabile, nei momenti decisivi siamo stati più lucidi, dimostrando anche maggior coraggio nelle scelte.
La settimana prossima arriva l’Ebro, è uno scontro al vertice, non ancora decisivo, ma sarà una partita difficilissima che cercheremo di preparare al meglio in settimana.

+Copia link

0 Responses to “Under 13: Argentia – Meda 54-43 (7-10,27-26,36-35)”