Scoiattoli 2009. Forti e Liberi – Argentia 11-13 (22-40)

Domenica 18 Marzo, la primavera è alle porte, anche se forse lei proprio non lo sa: pioggia e freddo sono scomode compagne.

La storica palestra di Forti E Liberi è chiusa per lavori ed i nostri ragazzi affronteranno i pari età di Monza nella fredda palestra di via Marmolada.

Se la temperatura rilevata dal corpo è molto bassa, quella che intercetta il cuore è decisamente su livelli ben più alti. Complici alcune assenze di peso nel nostro roster, ci presentiamo all’appuntamento con la consapevolezza che i nostri avversari, che sono cresciuti molto rispetto alla partita di andata, faranno di tutto per vincere la partita.

Fin dalla palla a due, il coriaceo n.15 in nero mette a dura prova il fisico e la mente del nostro Filo, che lotta con tutto quello che ha dentro: l’avversario, alto e veloce quanto il nostro 41, ci mette quel pizzico di malizia che lo rende determinante nel primo tempo, vinto dai padroni di casa per 4-0.

Nella seconda frazione il quartetto messo in campo da Coach Ferri inizia subito bene: buoni movimenti senza palla, nessun individualismo e passaggi al momento giusto portano i nostri subito sul 6-0 a nostro favore. Immediato time-out dell’onnipresente (a tutto campo) coach di casa che produce gli effetti sperati: difesa poco attenta dei nostri sulle rimesse e passaggi lenti provocano due canestri dei neri. Coach Ferri chiama minuto, lavata di capo ai ragazzi e si ricomincia: non benissimo come all’inizio ma non buttiamo via palloni. Un ispiratissimo Giosuè timbra diversi canestri e chiudiamo 12-6 per noi.

Terza frazione in grande equilibrio, pochi canestri, tanti errori da ambo le parti e si arriva agli ultimi secondi con i padroni di casa avanti 3-2. Ad 1 secondo dalla fine, Marco Ra. si procura due tiri liberi: a vuoto il primo, grande canestro del pari sul secondo tiro. Pari 3-3 e si va al riposo lungo.

La quarta frazione assomiglia alla prima: ci aggrediscono su ogni pallone e diamo l’impressione, ogni tanto, di stare troppo a guardare. Era già successo a Segrate, a Milano con Urania ed a Seregno. Sembra che i nostri 2009 (tutti, non solo questo quartetto) siano dei fiorettisti che, quando chiamati allo scontro fisico, facciano fatica ad entrare nell’arena, come se avessero bisogno di un periodo di adattamento alle sportellate ed alle malizie: ci arriveranno, ma che fatica per quella razza brutta dei genitori-supporters!!! Perdiamo di un nulla la frazione (3-2 per Monza) e la faccenda si fa triste.

La quinta frazione è quella meglio giocata: sempre qualche amnesia, ma siamo continui ed ormai ci siamo abituati a prenderle (meno a darle…) e reagiamo come sappiamo: facciamo canestri a raffica e vinciamo 13-2 il tempo.

Ed infine arriva il sesto tempo. Il coach dei neri schiera per la terza volta il micidiale n.15 che, pur essendo di gran lunga il più bravo dei suoi, al momento non aveva segnato. Marco Ro. si incarica di marcarlo e, ben conscio di quanto patito nel terzo tempo, si rimbocca le maniche e difende alla grande. 

Il capolavoro, però, lo firma Jacopo “terremoto” R. che timbra 5 liberi su 6 nella frazione e mette quei punti di distanza che ci consentono di vincere il tempo per 10-7. Frazione combattuta con il corpo e con la mente, con la faccia per alcuni (vero Marco Ra?) e vinta più che meritatamente.

Che dire? Molti genitori escono dalla palestra senza voce, per aver sostenuto oltre il limite fisico delle corde vocali i propri pargoli, ma consci che i ragazzi hanno messo il 110% di quello che avevano dentro e questo è il vero senso della vittoria: si può anche perdere la partita, e noi invece l’abbiamo vinta alla grande, ma se metti tutto di te allora hai vinto veramente…

…questa non è mia, lo confesso, mi pare sia di Coach Carter ma oggi una citazione me la concedete vero?

Chiudo con l’ennesimo saluto all’ennesimo infortunato di casa Argentia: tieni duro Gabriele O. vedrai che passerà anche questa!!

Prossimo appuntamento Domenica 25 Marzo: alle ore 18 saremo ospiti di Agrate: francamente un poco curioso lo sono, di rivedere lo spettacolo nello spettacolo. Chi ha orecchi per intendere, intenda.

+Copia link

0 Responses to “Scoiattoli 2009. Forti e Liberi – Argentia 11-13 (22-40)”